Il ritorno a scuola. “Preessoré continuiamo a non capirci niente”

da | 6 Set 20

Pianeta Scuola. La Prof prova a fare chiarezza

Angela Mancuso

A pochi giorni dalla riapertura delle scuole continuano a moltiplicarsi le ipotesi sulle modalità organizzative del rientro. C’è molta confusione, a dire il vero. Dunque, provo nuovamente a fare chiarezza.

“Preessoré”

“Eh”

“Noi continuiamo a non capirci niente di come dobbiamo tornare a scuola”

“Niente di più semplice, ve lo spiego io. Intanto vi dovete misurare la febbre a casa, ma forse anche a scuola, ché se avete la febbre, ma non sapete di averla, ed è a 37 e mezza, ma anche a 37 e uno virgola due, non dovete venire a scuola. Una volta a scuola con l’ingresso contingentato, scaglionato e scagionato, ma va bene anche metà corpo a casa e metà in classe, dovete stare con la mascherina chirurgica, ma va bene anche la mascherina di stoffa, però sanificata e purificata da ogni peccato. Poi dovete sedervi a distanza, ma va bene anche appiccicati se portate la mascherina, però forse meglio lo stesso distanti e senza urlare e sputacchiare. Ché se ci mettono un altro locchidaun poi dobbiamo fare di nuovo la DAD, la DDI, il PAI, il PEI, il PIN, la PLIN PLIN e il PING PONG. E ci fanno fare il test sierologico per la prostatite, ché i netturbini non si sono mai fermati e noi invece, che fa, non ci vogliamo andare a lavorare?”

“Preessoré”

” Eh”

“Secondo noi lei dovrebbe fare la Ministra dell’Istruzione. È portata”.

“Grazie”

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


  • Quel libro su Agrigento disperso e ritrovato
    HAMILTON IN LINEA La ristampa delle "Memorie storiche" di Giuseppe Picone era stato inviato ad Angelo Cino della Fratellanza Racalmutese di Hamilton. Ritrovato in un mercatino dell'usato, ora è tornato a casa […]

Facebook