Il governo Crocetta perde pezzi. Se ne va anche Lucia Borsellino

|




PALAZZO D’ORLEANS. Dopo gli assessori Leotta e Caleca, anche l’assessore alla Sanità Lucia Borsellino pronta alle dimissioni, in conseguenza dell’arresto del primario di Villa Sofia Tutino. Il governo Crocetta al capolinea?

A ventiquattro ore dallo scoppio del caso Tutino, l’assessore regionale alla Salute, Lucia Borsellino, sta pensando alle dimissioni. Dimissioni che quasi certamente arriveranno entro questa settimana, dopo aver chiuso una serie di partite ancora formalmente aperte come quella riguardante, ad esempio, l’accordo con Ismett.

Lucia Borsellino

Lucia Borsellino

Già stamattina si erano diffuse voci su dimissioni già in qualche modo formalizzate e persino di una convocazione, da parte dell’assessore, di alcuni dipendenti dell’assessorato di piazza Ottavio Ziino. Una circostanza, a dire il vero, smentita da alcuni dei più stretti collaboratori della Borsellino che parlano di un assessore “ritirato” in un luogo tranquillo per lavorare appunto alle ultime scadenze prima dell’addio.

Un addio che arriverà, comunque, nei prossimi giorni. Lucia Borsellino deve solo decidere il giorno in cui convocare una conferenza stampa in occasione della quale renderà noti i motivi del suo addio alla giunta di Crocetta. “Se Lucia Borsellino si dimette, – commenta il presidente della commissione Salute all’Ars Pippo Digiacomo – la causa principale non è l’inchiesta che riguarda Villa Sofia, dove l’assessorato è stato il vero braccio operativo della magistratura. Se lei si dimette, è per altre ragioni. E non arriveranno oggi. Sarebbero un atto sbagliato: dobbiamo completare un programma di lavoro”.

Insomma, sembra ormai solo una questione di tempo e di “ufficialità”. In una intervista apparsa sul quotidiano La Repubblica stamattina, del resto, Lucia Borsellino ha detto chiaramente che “sono venuti meno i motivi che mi hanno portato dentro la giunta”. Un fatto legato anche, ma non solo, alla vicenda del primario Tutino, arrestato ieri con diverse accuse legate alla gestione de reparto di chirurgia plastica.

Tutino, primario di Chirurgia plastica dell’ospedale Villa Sofia di Palermo, ieri è finito ai domiciliari con le accuse di truffa, falso, peculato e abuso d’ufficio. Secondo gli inquirenti avrebbe spacciato interventi di chirurgia estetica per “funzionali”, cioè necessari a salvaguardare la salute dei pazienti. In questo modo Tutino avrebbe sfruttato a suo piacimento strutture, personale e mezzi aggirando le regole dell’intramoenia.

Quello di Lucia Borsellino sarebbe il terzo addio al governo Crocetta da parte di un assessore nell’ultima settimana. Prima di lei avevano lasciato Ettore Leotta, assessore alla Funzione pubblica, e Nino Caleca, responsabile dell’Agricoltura.

Fonte: livesicilia.it

Altri articoli della stessa

One Response to Il governo Crocetta perde pezzi. Se ne va anche Lucia Borsellino

  1. salvatore.a Rispondi

    30/06/2015 a 18:01

    E’ stata scelta in memoria di un grande uomo magistrato come garanzia del rispetto dello Stato di Diritto. L’unico suo dovere è quello di dimettersi nel momentoin cui viene a mancare la trasparenza e la coerenza istituzionale di tutta la coalizione governativa…Ogni vicenda deleteria offende tutti i cittadini che hanno apprezzato la figlia di Borsellino..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *