Fondato a Racalmuto nel 1980

Storie che provengono dal Mediterraneo

La Giornata Mondiale del Rifugiato a Palma di Montechiaro

Foto di Angelo Pitrone

Quella di Mawa, 5 mesi, bambina della Guinea, è l’ennesima storia listata a lutto che il Mediterraneo ci racconta in questi ultimi giorni. La bambina, morta per malnutrizione durante un recente viaggio della disperazione, è stata sepolta giorni fa nel cimitero di Piana Traversa a Favara. Il mare piatto delle ultime ore diventa una passerella naturale per centinaia e centinaia di profughi che abbandonano, su mezzi di navigazione stipati, le coste africane vedendo nella Sicilia la porta ideale d’Europa per una seconda vita, lontano da guerre e da regimi militari. Fortunatamente sono anche tante le belle storie di integrazione che questa emergenza senza fine consegna alle cronache. Uomini e donne, bambini e bambine che trovano nei nostri paesi e città, grazie a specifici progetti, una “nuova casa”, un calore familiare, un momento di riscatto fatto di lavoro, giornate di scuola, nuove amicizie, momenti ricreativi.

A Palma di Montechiaro, che come Favara, Licata, Porto Empedocle hanno conosciuto e continuano a conoscere il dramma dell’emigrazione dei propri figli al Nord Italia e nei Paesi industrializzati europei, le porte dell’integrazione per chi arriva da lontano sono quotidianamente aperte non a parole ma con fatti.

Giovedì 20 giugno si celebra la Giornata Mondiale del Rifugiato, voluta nel 2000 dall’ Assemblea generale delle Nazioni Unite, al fine di intensificare gli sforzi per prevenire e risolvere i conflitti e contribuire alla pace e alla sicurezza dei rifugiati.

“La Società Cooperativa Sociale San Marco, – ci dice il Presidente Angelo Romano– anche quest’anno, ha deciso di valorizzare questa giornata, proponendo un ricco programma di eventi, che sono stati resi unici e speciali dalla partecipazione attiva delle famiglie e dei ragazzi dei Progetti di accoglienza SAI e FAMI del Comune di Palma di Montechiaro. Le loro storie e i loro bagagli culturali e umani, sono stati i veri protagonisti di queste giornate di condivisione e festa, organizzate in collaborazione con le associazioni del territorio come l’ASD Gattopardo Palma, l’Associazione Virentis Palmae e l’Associazione culturale e teatrale Tessere di Coccio. L’evento di quest’anno avrà come titolo: “Liberi di essere amici”. La Giornata Mondiale del Rifugiato è sempre un momento ideale per fermarsi a riflettere sulla condizione di tante persone, famiglie e bambini che, vittime di persecuzioni, violenze e discriminazioni, fuggono dai loro Paesi spesso martoriati da conflitti di ogni genere, per cercare un rifugio sicuro e iniziare una nuova vita. I migranti e i rifugiati, hanno diritto ad essere protetti, ma anche a diventare membri attivi delle nostre comunità, attraverso percorsi di accoglienza ed integrazione”.

Palma di Montechiaro dal 12 giugno ha vissuto tantissimi momenti inseriti in un ricco programma. Tra questi il torneo di calcio a 5 tra i beneficiari del Progetto SAI 1996 e Fami prog. 20, i ragazzi ospiti della San Marco 3 e la Scuola Calcio locale Asd Gattopardo Palma. Il torneo terminerà oggi con la premiazione di vincitori e partecipanti.

La conclusione della manifestazione avrà luogo proprio giorno 20 al SAUDADE, nella suggestiva  contrada Capreria/Castello. Momento clou della serata la presentazione e proiezione del cortometraggio “Da Mare e D’Amore – Liberi di essere amici” prodotto dalla Cooperativa Sociale San Marco, in collaborazione con l’associazione Culturale e Teatrale Tessere di coccio, dall’Associazione Virentis Palmae, dall’Ussm di Palermo e realizzato dalla Foto Event di Palma di Montechiaro. Seguiranno gli interventi del Sindaco Stefano Castellino, del Vicesindaco e Assessore alle Politiche Sociali Antonella Lo Vasco, del Dirigente del Dipartimento Servizi sociali Angelo Sardone, dell’Assistente Sociale Comunale Rosanna Spinello e di Lilli Cirivello dell’USSM di Palermo. Nel corso della serata saranno realizzati, inoltre, degli stand culinari di piatti multietnici, laboratori creativi, e tandem linguistico. La giornata si concluderà con il concerto live del gruppo musicale Gaalgui Word Music Band.

Condividi articolo:

spot_img

Block title

“Con il passare degli anni stavo perdendo la memoria dei miei posti”

Così Milena Palminteri spiega come è nato il suo Come l’arancio amaro, il libro, edito da Bompiani, ambientato a Sciacca

L’Estate nella Valle dei Templi

Varato dal Parco Archeologico il programma delle iniziative

“Pirandello di sbieco”. A Le Fabbriche la presentazione del saggio di Salvatore Ferlita

Agrigento, la presentazione è in programma nell'ambito dell'iniziativa "le Fabbriche Fest"

L’Inferno di Dante alle Gole dell’Alcantara

Al via la nuova edizione del lavoro teatrale più visto in Sicilia negli ultimi anni.