Fondato a Racalmuto nel 1980

“Biennale di Arte e Architettura nella Valle dei Templi”

Agrigento, alle Fabbriche Chiaramontane la presentazione del progetto dell’Ordine degli Architetti 

Rino La Mendola, Presidente Ordine Architetti Agrigento

“Arte, Musica e Architettura”, è il tema del convegno in programma ad Agrigento, il 7 giugno alle 15, alle Fabbriche Chiaramontane.

L’iniziativa è promossa dall’Ordine degli Architetti di Agrigento e dalla Fondazione Architetti nel Mediterraneo con il patrocinio del Comune di Agrigento, della Fondazione Agrigento 2025, dell’Ente Parco Valle dei Templi, del Polo Universitario di Agrigento, dell’Ufficio Beni Culturali e Edilizia di Culto dell’Arcidiocesi di Agrigento, del Lions-Club-circoscrizione di Agrigento e del Rotary Club di Agrigento.

Nel corso del convegno sarà presentato il progetto per la costituzione nella Valle dei Templi di una Biennale di Arte e Architettura. “Un progetto – spiega il presidente dell’Ordine degli Architetti Rino La Mendola – che rilancerebbe la città di Agrigento quale cerniera culturale tra l’Europa e i Paesi del Mediterraneo”.

In programma, inoltre, la premiazione, con una targa ricordo, degli architetti iscritti all’Ordine da almeno 25 anni, e, a partire dalle 20, al Teatro Pirandello, il concerto della Band Inside Out Pink Floyd, che sarà preceduto da alcune riflessioni sul connubio tra musica e architettura.

Il Programma

 

 

.

 

 

 

 

 

 

 

.

 

.

Condividi articolo:

spot_img

Block title

“Con il passare degli anni stavo perdendo la memoria dei miei posti”

Così Milena Palminteri spiega come è nato il suo Come l’arancio amaro, il libro, edito da Bompiani, ambientato a Sciacca

L’Estate nella Valle dei Templi

Varato dal Parco Archeologico il programma delle iniziative

“Pirandello di sbieco”. A Le Fabbriche la presentazione del saggio di Salvatore Ferlita

Agrigento, la presentazione è in programma nell'ambito dell'iniziativa "le Fabbriche Fest"

L’Inferno di Dante alle Gole dell’Alcantara

Al via la nuova edizione del lavoro teatrale più visto in Sicilia negli ultimi anni.