Fondato a Racalmuto nel 1980

Mariangela Longo nominata direttore del Conservatorio di Musica “Toscanini”

“Continueremo a lavorare con quella tenacia e con quella passione che ci contraddistingue”

Mariangela Longo, direttore Conservatorio “Toscanini”

Mariangela Longo è stata eletta direttore del Conservatorio “Arturo Toscanini” per il triennio accademico 2024/27. Rinnovati anche il Consiglio Accademico e la Consulta degli Studenti.

Già Direttore dal 2015 al 2021 e Vice Direttore nel triennio 2021-24, nonché docente di ruolo di pianoforte del Conservatorio Toscanini dal 1998, la Professoressa Longo ha curato  negli anni e portato a compimento l’iter di Statalizzazione dell’Istituto, l’assegnazione e la ristrutturazione della nuova sede, oggi all’avanguardia a livello europeo, l’ampliamento dell’offerta formativa.

“Ringrazio di cuore tutti – dichiara Mariangela Longo – i colleghi per la fiducia accordata all’unanimità. Sono sicura che con i nuovi organi statutari eletti e con l’attuale Presidente Giuseppe Tortorici continueremo a lavorare con quella tenacia e con quella passione che ci contraddistingue e con cui siamo riusciti a superare i momenti più critici e ad ottenere la promozione al rango di Conservatorio di Stato facendo diventare il Toscanini un presidio di eccellenza dell’alta formazione artistica musicale italiana….Ringrazio il Direttore Prof. Riccardo Ferrara e gli organi statutari uscenti per l’ottimo lavoro svolto nell’ultimo triennio e per avere gestito egregiamente e con abnegazione il difficile periodo di transizione allo Stato e di reclutamento del nuovo personale…A tutti i nuovi eletti rivolgo le mie più sentite congratulazioni, certa che faremo un ottimo lavoro di squadra nell’interesse e la tutela di un bene prezioso qual è il Conservatorio di Musica di Stato Arturo Toscanini mettendo al centro della nostra missione l’alta qualità della didattica e gli studenti”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Articolo precedente
Prossimo articolo

Condividi articolo:

spot_img

Block title

“Con il passare degli anni stavo perdendo la memoria dei miei posti”

Così Milena Palminteri spiega come è nato il suo Come l’arancio amaro, il libro, edito da Bompiani, ambientato a Sciacca

L’Estate nella Valle dei Templi

Varato dal Parco Archeologico il programma delle iniziative

“Pirandello di sbieco”. A Le Fabbriche la presentazione del saggio di Salvatore Ferlita

Agrigento, la presentazione è in programma nell'ambito dell'iniziativa "le Fabbriche Fest"

L’Inferno di Dante alle Gole dell’Alcantara

Al via la nuova edizione del lavoro teatrale più visto in Sicilia negli ultimi anni.