Hamilton, la bella sanità 

da | 11 Nov 20

Hamilton in linea Nella città canadese aumenta la capacità ricettiva per i pazienti con tumore al sangue

Charles Criminisi

E’ in arrivo ad Hamilton una nuova unità per i pazienti che necessitano di terapie per alcuni tumori del sangue , come ad esempio linfomi o leucemie . Proprio durante questo mese di novembre verrà ufficialmente aperto al pubblico un reparto all’Hamilton Health and sciences Juravinski Hospital, centro specializzato nelle cure oncologiche. L’Unità RON E NANCY CLARK, specializzata nel trapianto cellulare delle cellule staminali, vedrà un aumento della propria capacità a livello provinciale per il trattamento salvavita e per mettere i pazienti in condizione di farsi curare vicino casa.

Si tratta di uno dei tre centri in Ontario in grado di fornire tutti i tipi di trapianto di cellule staminali su pazienti oncologici adulti : trapianto autologo(cioè che utilizza le cellule staminali dello stesso paziente), allogenico(utilizza cellule di un donatore), e la nuova terapia CAR-T (un nuovo tipo di immunoterapia che impiega le cellule del sistema immunitario del paziente, modificate in laboratorio, affinché aggrediscano quelle tumorali).

Nel 2020 lo Juravinski Hospital and Cancer Centre è diventato il primo ospedale in Ontario a fornire la CAR T-cell therapy come opzione standard per i pazienti in cura per il linfoma ed è stato anche il primo centro a renderla disponibile per pazienti ambulatoriali.

La nuova unità potenziata sarà in grado di fornire 15 nuove stanze per degenti, cinque per i pazienti in day-hospital, due sale attrezzate con cucina per la permanenza di familiari ed amici, un’area potenziata per pazienti ambulatoriali del reparto di ematologia dello Juravinski Cancer Centre, maggiore spazio per i laboratori e la farmacia. Tutto ciò in un ambiente dal design all’avanguardia per favorire la guarigione.

Il Governo dell’Ontario ha fornito la somma di 25 milioni di dollari per la costruzione di qualità nuova ala ed un aggiunta di fondi pari a 5 milioni di dollari è stata raccolta dalla Fondazione dello Juravinski Hospital and cancer Center tramite una campagna di raccolta-fondi.

Charles Criminisi (nella foto sopra), presidente del Consiglio direttivo dell’ospedale e del comitato della campagna di raccolta-fondi , ci racconta in breve della nascita del reparto: “Mio fratello Vince ha subito un trapianto di cellule staminali nel 2015. Di conseguenza, posso affermare in prima persona che è stato fatto un ottimo lavoro e quanto questo sia importante per i pazienti e le loro famiglie. I miei più sinceri apprezzamenti vanno a tutto lo staff ed ai medici, di ieri e di oggi, che con dedizione e preparazione hanno reso possibile questo programma di prim’ordine nel campo dell’ematologia . Come presidente della campagna di raccolta-fondi desidero, inoltre , ringraziare tutte le persone e le organizzazioni che hanno contribuito a fare dell’unità potenziata una realtà. La vostra generosità cambierà delle vite!”.

(Traduzione: Adele Maria Troisi)

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


Facebook


Articoli Recenti: Malgrado Tutto Web

Ai nostri lettori

Ai nostri lettori

Ristrutturazione del sito. Da oggi, 4 agosto, sospendiamo la pubblicazione di nuovi articoli, la riprenderemo quando l’intervento di restyling sarà definitivamente completato

L’Estate di Regalpetra

L’Estate di Regalpetra

Racalmuto, le iniziative culturali organizzate dalla Fondazione Sciascia con il patrocinio del Comune

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Bianca Bianchi ed Elettra Pollastrini

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

Benito Cacciato, dopo trent’anni dall’ultimo libro, pubblica il suo nuovo romanzo “Iaco”, uno spaccato della Sicilia dell’entroterra tra gli anni ‘70 e ‘80. «Non ci vedo più, ma la memoria mi si è fatta sottile e precisa»

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

Ieri la cerimonia di consegna al Tempio di Giunone