Ha saputo essere Donna del suo tempo

di | 4 Feb 21

Antonio Liotta ricorda Giusi Carreca. “Per il suo rigore etico, per la sua capacità d’ascolto, per il suo acume sociale, avrebbe meritato molto di più”

Giusi Carreca

È difficile trovare negli scritti dedicati ad una persona che chiude il suo ciclo vitale parole negative. Si esaltano le virtù, si amplificano aspetti della vita con una certa enfasi, perché, in definitiva, in vita, come si legge sulle lapidi, tutti siamo bravi.

In questi giorni siamo stati sommersi da testimonianze su Giusi Carreca che, purtroppo, dal primo febbraio ha lasciato la vita terrena. I social, la stampa, tutti i mass-media sono pieni di ricordi, foto e quant’altro utile a dare un senso al tragitto culturale, artistico, politico percorso da questa straordinaria Donna. Niente in ogni parola, in ogni pagina è fuoriposto, nessuna enfasi o celebrazione per le occasioni è stata manifestata, perché  Giusi Carreca ha saputo essere Donna del suo tempo presente intensamente a 360 gradi nella vita reale.

Giusi Carreca con Antonio Liotta

Giusi, per il suo impegno culturale e politico, per il suo rigore etico, per la sua capacità d’ascolto, per il suo acume sociale, avrebbe meritato molto di più, avrebbe potuto occupare posti di responsabilità  nazionale per dare un contributo all’intero Paese. Ricordiamola, allora, per la bellezza del suo essere Donna, per il suo concreto contributo fornito alla crescita  culturale ed artistica di questa comunità  che continuerà  a sentirne la pesante mancanza.  Qui, ritengo di riportare l’omaggio che a Giusi ho dedicato in forma di Lettera, e Porgo al marito Ninni Monteleone Cardiologo e carissimo Amico e Collega, ai figli Massimo  e Chiara, ai parenti tutti le mie personali Condoglianze assieme a quelle della Redazione intera e del Direttore di Malgradotuttoweb  Egidio Terrana e della Medinova che rappresento.

Lettera aperta a Giusi Carreca

Carissima Giusi,

ti scrivo mentre sento accelerare i battiti del cuore e dagli occhi umidi scendono e solcano il viso lacrime salate. Sì,  piango la tua prematura partenza in direzione delle verdi praterie della valle dell’Eden..

Sapevo del tuo dolore che hai avuto la capacità e la forza di controllare con saggia  determinazione ed autoironia. Ma la difficile partita a scacchi la vince sempre la ‘sorella’ morte e non hanno contato niente i tuoi alti valori  culturali e creativi, le tue capacità artistiche recitative, il calore della tua voce, la forza e la coerenza delle tue idee  politiche e le costanti battaglie per la difesa dei deboli,  della democrazia e dei valori civili.
Ti ricorderò  Donna, Intellettuale fuori dal comune, Attrice/Interprete ed Autrice che ha saputo tenere sempre vivo il filo rosso dell’impegno.
Ti ricorderemo numerosissimi accanto a Ninni, Chiara e Massimo onorando il tuo ruolo culturale e sociale.

La copertina del libro Cartoline Colorate, edito da Medinova, scritto da Giusi Carreca e Annamaria Tedesco

Non dimenticherò  i condivisi (quasi)  cinquant’anni di sana Amicizia e collaborazione politica e culturale.Ci mancherai Giusi. Ora ti saluto mentre libera dai fili spinati che ti avvolgevano, come  rondine colorata, voli verso la libertà eterna. Ad Deum.. R.I.P.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

About Antonio Liotta

Antonio Liotta BURNÌA di ANTONIO LIOTTA. Editore. Idee, pensieri, fatti da proteggere e diffondere per una crescita democratica...

Connect

View all Posts

Articoli

Cerca nell’archivio

Archivi


  • “Dalle parti di Leonardo Sciascia” sbarca ad Hamilton
    Nella comunità racalmutese dell'Ontario il libro di Salvatore Picone e Gigi Restivo, dedicato ai luoghi di Sciascia, diventa uno strumento per far conoscere lo scrittore ai suoi concittadini che vivono in Canada. Charles Criminisi: "Sono stato molte volte a Racalmuto, ma non l’ho mai vissuto nel modo in cui è descritto da questi due autori" […]

Facebook