Guerra

da | 13 Mag 22

Le poesie di Aristotele Cuffaro

Aristotele Cuffaro

Guerra

Agghiorna e scura,

scura e agghiorna

ti viu assittata

‘ncapu la balata .

Currinu, scappanu

comu  nun ci fussitu

s’ arrizzolanu

nun talìanu.

Sempri ddà

cu l’ occhi  chiusi

abbacata

‘na mani aperta

a diri ferma

a diri basta

a diri aiutu

a diri chiantu.

Arsu lu sangu

scinni abbunnatu

di morti

squagliata ‘ni la nivi…

e tu si  ddà!

Agghiorna e scura

scura e agghiorna

senza vita.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


Facebook