Grotte, il primo giorno di scuola all’Istituto “Roncalli”

da | 25 Set 20

“Salpiamo verso nuove avventure”

Istituto Comprensivo Roncalli (Foto Grotte Info)

Primo giorno di scuola per gli studenti del “Roncalli” di Grotte e Comitini. Tutto o quasi è andato come da protocollo: distanziamento sociale, mascherine, gel igienizzante, punti di raccolta, campanelle differenziate, banchi monoposto, turnazioni per i bagni, merenda al proprio banco e una serie infinita di raccomandazioni da seguire a scuola e in classe. Tutto come da programma fatta eccezione per una variabile assolutamente non controllabile, le emozioni.

Un tripudio di emozioni forti, intense, dirompenti, dettate da un rientro a scuola più che mai atteso. Niente baci, abbracci o strette di mano, ma grandi sorrisi sfoderati a distanza e luccichii d’occhi dietro le mascherine. Con fiumi di parole, voci tremule e dovizia di dettagli tutti gli studenti si sono raccontati, hanno condiviso le loro esperienze estive, esposto timori, comunicato desideri.
Nessuno ha pianto, neanche i bimbi di prima. Erano tutti troppo contenti di far ritorno a scuola. Potersi riappropriare di uno spazio condiviso come l’aula scolastica ha posto in secondo piano tutti i sacrifici a cui sono stati sottoposti i nostri studenti.

La prova generale, insomma, possiamo dire che è andata molto bene. A dire il vero, il “Roncalli” di Grotte partiva da una posizione privilegiata: assenza di classi pollaio e spazi scolastici adeguati al rispetto delle norme anti Covid.

“Non è stato facile mettere in moto la macchina organizzativa, che nei mesi di luglio e agosto alla guida del Dirigente Scolastico Emanuele Giordano è stata messa a punto, curando ogni dettaglio necessario per affrontare il tanto agognato rientro.

“È stato bello – racconta Damiana- poter rivedere i professori dopo sette mesi, li abbiamo guardati con maggiore maturità. Quelli che un tempo potevano apparire i loro difetti, oggi ci siamo resi conto che sono cose importanti di cui siamo stati privati”.

Non c’è alcun dubbio sul fatto che i nostri studenti siano stati privati, durante la quarantena, non solo di spazi e tempi idonei all’insegnamento, che solo in presenza possono essere adeguatamente garantiti, ma soprattutto delle relazioni interpersonali reali, intessute quotidianamente con i docenti e i compagni. Il ritorno a scuola ha oggi restituito a loroi uno spazio importantissimo di crescita umana e sociale.

Sebbene certi che nei giorni avvenire parte dell’entusiasmo raccolto oggi possa scemare, non fosse altro per la discrepanza di limitazioni che i nostri studenti vivono nell’extra scuola, da addetti ai lavori possiamo certamente dire che questo primo giorno di scuola ha superato l’esame iniziale.

“Auguro a tutti – dice Emanuele Giordano, dirigente scolastico del “Roncalli” – un nuovo ed entusiasmante anno scolastico. Con la fiducia e con l’impegno di ciascuno, sono sicuro che la nostra scuola potrà intraprendere un percorso in cui tutti saremo i protagonisti di un nuovo modo di fare scuola e di una partecipazione più attenta e responsabile.”

Questo sarà certamente un anno di scuola di cui parlare e raccontare, anche attraverso le pagine del diario che la scuola ha donato a tutti gli studenti del “Roncalli”.

 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


Facebook


Articoli Recenti: Malgrado Tutto Web

Ai nostri lettori

Ai nostri lettori

Ristrutturazione del sito. Da oggi, 4 agosto, sospendiamo la pubblicazione di nuovi articoli, la riprenderemo quando l’intervento di restyling sarà definitivamente completato

L’Estate di Regalpetra

L’Estate di Regalpetra

Racalmuto, le iniziative culturali organizzate dalla Fondazione Sciascia con il patrocinio del Comune

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Bianca Bianchi ed Elettra Pollastrini

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

Benito Cacciato, dopo trent’anni dall’ultimo libro, pubblica il suo nuovo romanzo “Iaco”, uno spaccato della Sicilia dell’entroterra tra gli anni ‘70 e ‘80. «Non ci vedo più, ma la memoria mi si è fatta sottile e precisa»

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

Ieri la cerimonia di consegna al Tempio di Giunone