Grotte, è morto il Dott. Gaspare Spalanca

da | 12 Giu 21

Padiatra e medico di famiglia per diversi decenni, se ne va un pezzo importante della storia del paese

Il Dott. Gaspare Spalanca, durante una edizione del Premio Racalmare Sciascia (Da Grotte Info)

Ha seguito e curato con competenza e grande professionalità migliaia di bambini. Per decenni è stato un punto di riferimento prezioso e sicuro per un’intera comunità.

Ha destato sentito e unanime cordoglio a Grotte la morte del Dott. Gaspare Spalanca, pediatra, medico di famiglia e per diversi anni anche ufficiale sanitario.

Una figura di grande rilievo, che  colpiva non solo per la grande competenza che ha sempre accompagnato la sua professione, ma anche per il garbo e la discrezione che lo contraddistinguevano nel suo lavoro.

Uomo di grande cultura, Gaspare Spalanca per tanti anni ha fatto parte della Commissione del Premio Letterario Nazionale “Racalmare Sciascia”.

Il dottore Spalanca, nativo di Racalmuto, aveva iniziato ad esercitare la professione medica a Grotte nella prima metà degli anni Sessanta. Con lui se ne va decisamente un pezzo importante della storia del paese.

Alla collega Daniela Spalanca, e a tutti i familiari le sentite condoglianze del nostro giornale.

 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


Facebook


Articoli Recenti: Malgrado Tutto Web

Ai nostri lettori

Ai nostri lettori

Ristrutturazione del sito. Da oggi, 4 agosto, sospendiamo la pubblicazione di nuovi articoli, la riprenderemo quando l’intervento di restyling sarà definitivamente completato

L’Estate di Regalpetra

L’Estate di Regalpetra

Racalmuto, le iniziative culturali organizzate dalla Fondazione Sciascia con il patrocinio del Comune

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Bianca Bianchi ed Elettra Pollastrini

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

Benito Cacciato, dopo trent’anni dall’ultimo libro, pubblica il suo nuovo romanzo “Iaco”, uno spaccato della Sicilia dell’entroterra tra gli anni ‘70 e ‘80. «Non ci vedo più, ma la memoria mi si è fatta sottile e precisa»

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

Ieri la cerimonia di consegna al Tempio di Giunone