“Grazie Racalmuto”

di | 28 Set 21

HAMILTON IN LINEA Lettera di Charles Criminisi e Joe Grimaldi ai racalmutesi. “Non vediamo l’ora che vi siano altre occasioni per celebrare la ricchezza della cultura siciliana e mostrare al mondo i “gioielli“ che questa piccola città racchiude”.

Joe Grimaldi e Charles Criminisi con il Presidente della Regione Musumeci (Foto Angelo Pitrone)

Desideriamo ringraziarVi per averci accolti in questa missione speciale a Racalmuto, per l’inaugurazione di “Casa Sciascia”, occasione che ha visto il suo momento più importante nell’inaugurazione del 10 settembre dopo il restauro.

E’ stato un vero onore rappresentare la “Sicilian Society of Hamilton Inc.” e dare il nostro modesto contributo a questo meritevole progetto.

In ogni luogo che abbiamo visitato in Sicilia siamo stati accolti a braccia aperte e con affetto ed il momento del taglio del nastro con il Presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci è stato visto da migliaia di persone in Italia, Canada e USA, attraverso i social e i notiziari delle emittenti locali, regionali e nazionali in Italia. Tutto ciò è andato ben oltre le nostre più rosee aspettative.

Il nostro viaggio ci ha avvicinato ancora di più alla comunità di Racalmuto ed ha rafforzato quel legame nato con il gemellaggio delle due città.

Come abbiamo detto durante l’incontro con il sindaco Vincenzo Maniglia,  Racalmuto e Hamilton sono un’unica comunità, separata solo dalla distanza e dall’oceano. Hamilton è sostanzialmente un quartiere vicino a Racalmuto. Attraverso questa lente possiamo vedere progetti passati, presenti e futuri non come una suddivisione tra “noi e loro”, ma come un progetto con aspirazioni e scopo comune. Abbiamo partecipato a diverse cene ed eventi da cui sono scaturite grandi idee per progetti futuri, che ci auguriamo prendano forma in una dichiarazione della missione e delle prospettive e su cui lavoreremmo nel prossimo futuro. Il susseguirsi degli eventi che hanno portato all’apertura della Casa-Museo Sciascia, certamente ha reso chiaro l’impegno futuro che abbiamo intrapreso come “Sicilian Society of Hamilton Inc.”.

E’ nostra intenzione continuare questo sodalizio artistico e culturale e non vediamo l’ora che vi siano occasioni per celebrare la ricchezza della cultura siciliana e mostrare al mondo i “gioielli“ che questa piccola città racchiude. La nostra visita a Racalmuto ed alla Sicilia tutta è un ricordo che custodiremo per il resto della nostra vita.

Desideriamo ringraziare tutti coloro che hanno reso la nostra permanenza confortevole e gradevole. La lista sarebbe troppo lunga per poter menzionare tutti in questo breve spazio e potremmo incorrere nell’errore di dimenticare qualcuno. Voi tutti sapete chi siete e sapete che vi teniamo nel profondo dei nostri cuori, pieni di gratitudine e di riconoscenza.

Grazie mille,

Charles Criminisi e Joe Grimaldi

(Traduzione: Adele Maria Troisi)

Letter to the Community of  Racalmuto

Joe Grimaldi e Charles Criminisi ricevonbo dal Presidente di CasaSciascia Pippo Di Falco la pergamena di “soci onorari” dell’associazione (Foto Angelo Pitrone)

We would like to thank you for welcoming us on this special mission to Racalmuto in order to open the “Casa Sciascia” which culminated in the inauguration of its renovations on September 10.
It truly was an honour representing “The Sicilian Society of Hamilton Inc.” and providing our modest support to the this worthwhile project. We were received with open arms and affection everywhere we travelled in Sicily and the ribbon cutting with the President of Sicily was viewed by thousands of people throughout Italy, Canada and the USA via social media as well as local, regional and national news outlets in Italy. This was beyond our wildest dreams. Our trip brought us closure to our Racalmutese community and strengthened the bond we have on the twining of the two cities. As we mentioned in our meeting with the Mayor, Hamilton and Racalmuto are one community separated by distance and an ocean. Hamilton is essentially a neighbourhood of Racalmuto. With this lens we can view past, present, and future projects not as an “us and them” exercise but one in which we have common purpose and aspirations. We attended may dinners and events which produced some great future ideas which we hope to embody in a Mission & Vision Statement we will be working on in the bear future.
The events leading up to and post opening the museum have certainly made people aware of the the future commitment we have at “The Sicilian Society of Hamilton Inc.”.

We intend to continue this art and cultural support and are looking forward to future celebrations of rich Sicilian culture and demonstrate to the world the “jewels ‘this little town has on the world.
Our visit to Racalmuto and Sicilia in general is something we will cherish for the rest of our lives. We wish to thank all who made our stay comfortable and enjoyable. The list is too long to mention in this brief space and we also run the risk of inadvertently omitting some. You all know who you are and are held deeply in our hearts filled with gratitude and appreciation.
Grazie mille,
Charles Criminisi & Joe Grimaldi

L’INTERVENTO DI CHARLES CRIMINISI DURANTRE LA CERIMONIA DI INAUGURAZIONE DEI LAVORI DI RESTAURO DI CASASCIASCIA

Signor Presidente, Signor Sindaco, Eccellenza Prefetto di Agrigento e altre autorità civili, militari e religiose, membri dell’Associazione CasaSciascia, confratelli e sorelle Racalmutese.

Sono il figlio di Giovanni Criminisi e Grazia Cino nati a Racalmuto. Joe è figlio di Vincenzo Grimaldi e Nenna Cacciato anch’egli nati a Racalmuto. Io e Joe siamo nati in Canada.

Oggi, mentre siamo di fronte a questo bellissimo edificio, i nostri cuori e le nostre menti sono pieni di pensieri sui nostri genitori, nonni e altri parenti. Chi ha lasciato Racalmuto e chi è rimasto. Immaginiamo com’era la vita qui quando son nati, cresciuti, giocavano con gli amici, andavano a scuola, s’innamoravano, lavoravano, e anche quan do hanno riso e pianto. Ci poniamo delle domande: cosa li ha resi quello che erano, perché si sono comportati in quel modo, come si sono formati i loro sogni e le loro aspirazioni?

In questo immaginare e interrogare siamo insicuri. Questa insicurezza deriva dal fatto che non siamo nati e non siamo cresciuti nello stesso posto di loro. Sì, ci hanno raccontato storie di questo luogo e della sua gente, lezioni che hanno imparato qui e che ci hanno trasmesso a noi. Ma non possiamo comprendere appieno.

Chi ha lasciato Racalmuto tanti anni fa lo ha fatto per costruire una vita migliore per sé e, soprattutto, per I loro figli. In questo senso, l’immigrazione ha avuto un chiaro vantaggio e guadagno.

L’altra faccia della medaglia dell’immigrazione è che c’è una perdita… una perdita di lingua, storia, cultura e persino identità. Esiste un libro di fotografie edito dalla Fondazione Leonardo Sciascia, intitolato “Ignoto a me stesso”. Questa è una descrizione dello stato d’animo della diaspora di Racalmuto.

È stato spesso detto che per sapere dove stai andando nella vita devi prima sapere dove sei stato. Affinché noi, figli e nipoti di immigrati, possiamo portare a termine questo compito dobbiamo riempire il vuoto lasciato dall’immigrazione. Come ho detto spesso, dobbiamo completare il cerchio dell’immigrazione. Dobbiamo tornare al punto di partenza. Dobbiamo imparare, riempirci il cuore e la mente. E se lo facciamo con successo, possiamo iniziare a conoscere noi stessi e comprendere appieno il nostro passato.

Da un punto di vista pratico abbiamo bisogno di pietre di paragone…cose tangibili, luoghi e idee…che fungano da punti di riferimento e di riflessione. Casa Sciascia è una di quelle pietre di paragone. Un posto significante perchè il suo ex abitante è uno dei figli più importanti di questo luogo la cui influenza e impatto si sono fatti sentire in tutto il mondo. Per noi è un simbolo di chi siamo stati, chi siamo adesso, e chi possiamo essere. Con un piccolo e modesto contributo alla sua ristrutturazione abbiamo contribuito a creare un luogo dove coloro che son ignoti a se stessi possono venire ad apprendere e avvicinarsi a una più piena comprensione di se stessi.

Questa è l’iniziativa più recente nei 35 anni da quando i sindaci Lillo Sardo e Bob Morrow hanno creato il gemellaggio, che è diventato una piattaforma per altre iniziative he abbiamo realizzato negli anni. Più recentemente, la replica della statua di Leonardo Sciascia alla stazione LIUNA di Hamilton, il Carretto Siciliano che attualmente risiede nella grande sala del municipio sono solo due esempi di passi concreti compiuti per rafforzare il nostro legame come un’unica comunità di Racalmutese. Altri programmi come gli scambi sportivi giovanili, la rubrica Hamilton in Linea a Malgrado Tutto approfondiscono il nostro legame e la nostra identità.

Il restauro di Casa Sciascia è un risultato meraviglioso e stimolante. La lungimiranza e la generosità di Pippo DiFalco è un grande dono per tutti noi. Il sostegno finanziario fornito dal governo è un segnale per la gente di questo posto che il governo può e ha un posto nella realizzazione dei nostri sogni. Siamo grati per la passione e la dedizione di coloro che hanno lavorato a questo progetto attraverso il caldo estremo, le restrizioni COVID e in tempi record… l’architetto Angelo Di Vita, i Fratelli Curto e in particolare Piero, Fratelli Collura e in particolare Maurizio. Un ringraziamento speciale a Calogero Giglia, Salvatore Picone e Felice Cavallaro per avermi portato a Casa Sciascia due anni fa e per la loro dedizione a questo progetto e tutto ciò che significa.

Siamo in un momento molto importante nella nostra desiderio per ritrovare noi stessi e rendere la Sicilia migliore e più bella di quanto non sia già. Il mondo ha riscoperto questa meravigliosa isola di sole e ricca cultura. È pieno di gioielli da vedere e apprezzare con una parte significativa dell’arte e delle antichità del mondo che aspettano solo di essere vissute. Abbiamo amici e collaboratori in Canada che hanno notato che la Sicilia è un luogo che deve essere visto e vissuto….dai più ricchi e potenti alle persone in tutti i settori della società nordamericana….per loro questo posto è al vertice al loro lista.

A mio modesto parere, la Sicilia è pronta per un futuro molto luminoso. Questo fa bene non solo a chi risiede qui, ma anche a chi desidera visitarci, e noi… figli e nipoti di Racalmutese che vivono lontano… perché ci dà migliori e maggiori opportunità per ritrovarci ed essere sicuri in quello che siamo mentre ci muoviamo nel futuro.

Grazie per la vostra gentile attenzione.

Good morning (intro self & Joe if not already done we are here representing The Sicilian Society of Hamilton excuse imperfect Italian)

Signor Presidente, Signor Sindaco, Eccellenza Prefetto di Agrigento e altre autorità civili, militari e religiose, members of Associazione CasaSciascia, fellow Racalmutese sisters and brothers.

I am the son of Giovanni Criminisi and Grazia Cino born in Racalmuto. Joe is the son of Vincenzo Grimaldi and Nenna Cacciato also born in Racalmuto. Joe & I were born in Canada.

Today, as we stand in front of this beautiful building, our hearts and minds are filled with thoughts of our parents, grandparents, and other relatives. Those who left Racalmuto and those who stayed. We imagine what life was like here as they were born, grew up, played with friends, went to school, fell in love, worked, laughed, cried. We ask ourselves questions: what made them who they were, why did they act the way they did, how were their dreams and aspirations formed.

In this imagining and questioning we are insecure. This insecurity comes from the fact that we were not born and did not grow up in the same place as them. Yes, they told us stories of this place and its people, lessons they learned here and passed on to us. But we cannot fully understand.

Those who left Racalmuto those many years ago did so to make a better life for themselves and, more importantly, for their children. In this sense, immigration had a clear benefit and gain.

The other side of the coin of immigration is that there is loss…a loss of language, history, culture, and even identity. There is a book of photographs published by Fondazione Leonardo Sciascia, entitled “Ignoto a me stesso” (unknown to myself). This is an apt description of the state of mind of the diaspora of Racalmuto.

It has often been said that to know where you are going in life you must first know where you have been. In order for us, the children and grandchildren of immigrants, to complete this task we need to fill the void left by immigration. As I have often said, we need to complete the circle of immigration. We must return to the place of beginning, the point of departure. We must learn, fill our hearts and minds with it. And if we do so successfully, we can then begin to know ourselves and fully understand our past.

From a practical standpoint we need touchstones…tangible things, places and ideas…which serve as points of reference and reflection. Casa Sciascia is one of those touchstones. An important one given that its former inhabitant is one of the most important sons of this place whose influence and impact has been felt around the world. He is a symbol to us of who we have been, who we are, and who we can be. By making a small and modest contributions to its renovation we have helped to create a place where those who are unknow to themselves (ignoti a se stesso) can come and learn and come closer to a fuller understanding of themselves.

This is the most recent initiative in the 35 years since Mayors Lillo Sardo and Bob Morrow created the gemellaggio, which became a platform for other touchstones we have realized over the years. More recently, the replica statue of Leonardo Sciascia at LIUNA Station in Hamilton, the Carretto Siciliano which currently resides in the grand lobby of City Hall are but two examples of concrete steps taken to strengthen our bond as one community of Racalmutese. Other programs such as youth sports exchanges, the Hamilton in Linea column in Malgrado Tutto deepen our connection and self-identity.

The restoration of Casa Sciascia is a marvelous and inspiring achievement. The foresight and generosity of Pippo DiFalco is a great gift to all of us. The financial support provided by the government is a signal to the people of this place that government can and does have a place in the realization of our dreams. We are grateful for the passion and dedication of those who worked on this project through extreme heat, COVID restrictions, and in record time…architect Angelo Di Vita, Fratelli Curto e in particolare Piero, Fratelli Collura e in particolare Maurizio. Special thanks to Calogero Giglia, Salvatore Picone and Felice Cavallaro for bringing me to Casa Sciascia two years ago and for their dedication to this project and all it signifies.

We are at a very important time in our quest to find ourselves and make Sicilia better and more beautiful than it already is. The world has rediscovered this marvelous island of sun and rich culture. It is full of jewels to be seen and appreciated with a significant part of the world’s art and antiquities just waiting to be experienced. We have friends and associates in Canada who have taken notice that Sicilia is a place that must been seen and experienced….from the most wealthy and powerful to people in all sectors of North American society….for them this place is at the top of their list.

In my humble opinion, Sicilia is poised for a very bright future. This is good not only for those who reside here, as well as those who wish to visit, but also for us…the children and grandchildren of Racalmuto living afar…for it gives us better and more opportunities to find ourselves and be secure in who we are as we move into the future.

Thanks for your kind attention….over to Joe for closing comments.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli

Cerca nell’archivio

Archivi


  • “Grazie Racalmuto”
    HAMILTON IN LINEA Lettera di Charles Criminisi e Joe Grimaldi ai racalmutesi. "Non vediamo l’ora che vi siano altre occasioni per celebrare la ricchezza della cultura siciliana e mostrare al mondo i “gioielli“ che questa piccola città racchiude". […]

Facebook