Gli “amici” di Sciascia in Canada

da | 6 Gen 22

HAMILTON IN LINEA Joe Baiardo racconta la visita ad Hamilton del presidente dell’associazione “Amici di Leonardo Sciascia” Valerio Capozzo

Quando si incontra qualcuno dopo tanti anni o un amico incontra un altro che gli dice: “Che coincidenza, sono cresciuto con lui o lei!”. Solitamente si è portati a rispondere “Wow, com’è piccolo il mondo!” Comu è picciulu stu munnu!). Ad Hamilton, il nostro piccolo angolo di mondo, con il nostro amore ed il nostro desiderio di diffondere la lingua e la cultura siciliana, i membri dell’Associazione culturale Siciliana sembra che utilizzino regolarmente quest’espressione tutti i giorni.

Quando Sciascia aveva anticipato la “Sicilianizzazione del mondo” prima che molti di noi nascessero, non credo che nessuno di noi “figli di Siciliani” avrebbe potuto prevedere che ruolo importante avremmo avuto nel celebrare la sicilianità! Attraverso le nostra celebrazione annuale a “Sicilia Canta”, noi ricordiamo la musica, il cibo e la reciproca compagnia, ma la nostra laboriosa affezione non finisce qui. Il nostro gruppo continua le proprie attività per tutto l’anno, creando contatti importanti e costruendo ponti con la nostra “madre terra” ed oltre. Sebbene accada spesso che questi contatti non siano creati dalla nostra iniziativa ma dagli stessi musicisti, registi o accademici siciliani.

Ed eccovi un esempio: il giorno 2 settembre del 2021 ho ricevuto un messaggio che così recitava: “Gent.mo Mr. Baiardo, la contatto in veste di presidente dell’associazione Amici di Leonardo Sciascia (https://www.amicisciascia.it/). Sono stato molto colpito da tutto ciò che organizzate per celebrare la memoria di Leonardo Sciascia ad Hamilton”. E continuava, dicendo: “Sto programmando una visita a Toronto (dal 1 al 4 Ottobre) e sarei felice d’incontrare Lei ed il comitato… Avreste un po’ di tempo per discutere di piani e progetti su Leonardo Sciascia?” Firmato: Valerio Cappozzo, Professore di Oxford Mississippi, USA.
Per ironia, proprio quando il professor Cappozzo mi inviava il messaggio, due dei nostri più autorevoli rappresentanti, Charles Criminisi e Joe Grimaldi, si trovavano a Roma, diretti a Racalmuto per l’apertura ufficiale di “CasaSciascia”, la cui ristrutturazione è stata realizzata, grazie al contribuito della nostra Associazione. Al rientro ad Hamilton era programmata per la fine del mese la nostra raccolta fondi per “CasaSciascia”. Ovviamente, diedi una risposta favorevole al Professore, piacevolmente sorpreso ed onorato che volesse incontrarci. Al rientro di Charles e Joe dalla proficua visita a “CasaSciascia”, durante la quale hanno incontrato il Presidente della Regione e ricevuto l’onorificenza in qualità di Ambasciatori, la commissione si è incontrata con i finanziatori. Il 3 ottobre il professor Cappozzo mi ha inviato un messaggio per informarmi che avrebbe preso il treno da Toronto ad Hamilton e gli sarebbe piaciuto fare una foto con Sciascia, se fosse stato possibile, prima di incontrarci.

Non poteva certo immaginare che la stazione fosse letteralmente a pochi passi dalla nostra statua “gemella”! Io ed il nostro presidente Charles Criminisi abbiamo incontrato il Professore presso la LIUNA station dove abbiamo chiacchierato dei nostri trascorsi personali. Ero curioso di capire come un professore nato a Roma, che insegnava negli US, fosse venuto a conoscenza di Sciascia e della nostra associazione. Ovviamente, la fonte era stata la scuola. Fortunatamente, i nostri soci ed amici Joe Curto e Jack Agrò avevano aperto le porte del nostro club Racalmutese di domenica pomeriggio per ospitare il nostro amico Valerio. Sam Cino, Gabe Macaluso, Joe Castglione, e Joe Grimaldi lo aspettavano insieme a noi. E’ stato un pomeriggio estremamente piacevole, come se conoscessimo Valerio da anni. Senza dubbio ad Hamilton non temiamo di celebrare tutto ciò che è siciliano, ma è una cosa davvero speciale farlo con amici che condividono un affetto comune per le proprie radici. Ogni passo del viaggio di Charles e Joe in Sicilia è stato postato sulle nostre pagine facebook da me, Sam Cino e Joe Curto. Senza dubbio, i social media ci hanno aiutati a diffondere la nostra “buona sicilianizzazione” in tutto il mondo. Con gratitudine possiamo affermare di essere diventati una sorta di attrazione di questa Sicilia globale. Forse la nostra amata isola è diventata più grande, grazie alla nostra dedizione.

Mentre discutevamo della recente visita di Joe e Charles a “CasaSciascia”, ci siamo sorpresi che il Professor Cappozzo fosse già a conoscenza del loro coinvolgimento come membri della sua commissione “Amici di Sciascia” presenti a Racalmuto. Valerio ci ha, inoltre, informati che nell’autunno del 2022 il convegno annuale su Sciascia sarà tenuto dall’Istituto Italiano di Cultura e dal Consolato Italiano di San Francisco per il quale abbiamo ricevuto un invito. Il giorno successivo ha discusso con Salvatore Picone di un prossimo articolo per la rubrica “Hamilton in linea” su Malgradotuttoweb. Con grande sorpresa di Charles, senza aver menzionato la visita del prof. Cappozzo, Salvatore ha chiesto: “Perchè non scrivi un articolo sulla visita del Professor Cappozzo alla tua associazione?”
Wow! Com’è piccolo il mondo!

Traduzione di Adele Maria Troisi

 It’s a small world or is Sicily becoming larger?  

When you encounter someone you met years ago or a friend meets a friend of a friend who says, “what a coincidence, I grew up with him or herOne tends to say, “Wow, what a small world!”  (Comu e picciulu stu munnu).  In our little corner of the world in Hamilton, with our love and promotion of Sicilian language and culture, our Sicilian Cultural Society members seem to be saying this on a regular basis these days.
As Sciascia anticipated the “Sicilianization of the world” before many of us were even born, I don’t think any of us ‘figli di Siciliani’ could have anticipated that we would be such key players in celebrating everything Sicilian!  Through our annual celebration at Sicilia Canta, we naturally celebrate the music, food and company of one another but our labour of love does not stop there.  Our group continues to be engaged throughout the year in making key contacts and building bridges with our “madreterra” and beyond. Often times though, it is not through our initiative that we make these contacts be they Sicilian musicians, filmmakers or academics.

Case in point:  On September 2nd 2021 I received a text message that read, “Dear Mr. Baiardo, I am contacting you as president of the Associazione Amici di Leonardo Sciascia (https://www.amicisciascia.it). I am very impressed about all that you do to celebrate Leonardo Sciascia in Hamilton.”  He went on to say, “I am planning a visit to Toronto (October 1-4) and I would be delighted to meet you and the comitato…Would you have time to discuss all the interests and projects on Leonardo Sciascia?”  Signed Valerio Cappozzo Professor from Oxford Mississippi U.S.A.
Ironically, when Professor Cappozzo sent me this message, two of our esteemed committee members; Charles Criminisi and Joe Grimaldi were in Rome on their way to the official opening of “CasaSciascia” in Racalmuto, where our committee helped in the funding of its renovation.  Back in Hamilton, we were planning for our CasaSciascia fundraiser later in the month.  Naturally I replied to the Professor as I was pleasantly surprised and honoured that he would want to meet with us.  Upon Charles’ and Joe’s return from what was a very successful visit to “CasaSciascia” which included their meeting the President of the Region and receiving the honourable distinction as Sicilian Ambassadors, our committee met just before our fundraiser.

On October 3rd, Professor Cappozzo texted me saying that he would be taking the train from Toronto to Hamilton but would like to take a picture with Sciascia, if it was possible, before we meet.  Little did he know that the train station was literally steps away from our twin statue!  Our President Charles Criminisi and I met the Professor at LIUNA station where we chatted about our backgrounds.  I was curious how a Professor born in Rome, teaching in the U.S. came to know Sciascia and us.  He came to know Sciascia and his works through school, of course.  Thankfully our friends and fellow committee members Joe Curto and Jack Agro’ at the Racalmutese Club opened its doors on a Sunday afternoon so we can host Valerio. With us in attendance were Sam Cino, Gabe Macaluso, Joe Castglione, and Joe Grimaldi. It was a very pleasant afternoon as if we’ve known Valerio for years.

No doubt we are not shy in Hamilton to celebrate everything Sicilian but it’s something very special to do so with friends who share a common affection for their roots and each other.  Every step of Charles and Joe’s trip to Siciliy was being posted by Sam Cino, Joe Curto and I on our Facebook platforms. No doubt, Social media has helped spread our  “good Sicilianization” throughout the world. Gratefully we seem to have also become a Capitol or an attraction of sorts of this global Sicily. Perhaps our beloved island has become larger through each of us.

As we discussed Charles and Joe’s recent visit from “CasaSciascia”, we were also surprised that Professor Cappozzo was already aware of their involvement as a member of his amiciscaiscia committee had been in attendance in Racalmuto.  Valerio also informed and us that in the Fall of 2022 the yearly Sciascia Colloquium will be held by the Istituto Italiano di Cultura and the Italian Consulate of San Francisco for which we received an invitation.  The following day Charles was in discussions with Salvatore Picone at Malgradotuttoweb about our next article for “Hamilton in linea”. To Charles’ surprise, without having mentioned Professor Cappozzo’s visit, Salvatore asked, “why don’t you write an article about Professor Valerio Cappozzo’s visit with your committee”. Wow! What a small world!

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


  • Quel libro su Agrigento disperso e ritrovato
    HAMILTON IN LINEA La ristampa delle "Memorie storiche" di Giuseppe Picone era stato inviato ad Angelo Cino della Fratellanza Racalmutese di Hamilton. Ritrovato in un mercatino dell'usato, ora è tornato a casa […]

Facebook