Fibromialgia. “L’invisibile diventa visibile”

|




Si è conclusa ad Agrigento la marcia sulla “Magna Via Francigena”. Guarda le foto

Si è conclusa ieri nella Cattedrale di Agrigento “In cammino sulla Magna Via Francigena per la Fibromialgia”, la campagna di sensibilizzazione promossa promossa dall’AISF Onlus (Associazione Italiana Sindrome Fibromialgica) volta a far conoscere questa “patologia ancora invisibile e sconosciuta per molti”.

“Non posso abbracciare le persone che amo”, “Non posso Giocare con i miei nipoti”, Non posso più lavorare” , affidano a dei cartelli il loro bisogno di aiuto gli affetti da questa patologia che hanno partecipato alla marcia. Ma ve ne sono tanti altri

Il loro “cammino” aveva preso il via il 27 Aprile in Piazza Duomo a Monreale, da dove i camminatori sono  partiti per arrivare, dopo diverse tappe, ad Agrigento, dove c’è stato un incontro anche con il Cardinale Francesco Montenegro, Arcivescovo della diocesi.

La Fibromialgia è una malattia che si sente ma non si vede. La sofferenza fisica coinvolge tutto l’apparato locomotore, con ripercussioni a livello cognitivo e neurologico. Una patologia altamente invalidante ma non riconosciuta, spesso chi ne soffre viene preso per ipocondriaco.

“E’ necessario – dice Giusy Fabio –  Vicepresidente AISF ONLUS Area Centro-Sud – che in ogni parte della Sicilia i pazienti possano essere aiutati. La nostra speranza è che le istituzioni comincino ad affrontare seriamente il nostro problema, cercando soprattutto una soluzione per aiutarci concretamente”.

Guarda le foto

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *