Festeggia il suo pensionamento con un mega concerto in piazza

|




Porto Empedocle, l’originalissima scelta del Maestro Giuseppe Longo. Al concerto hanno partecipato oltre 56 musicisti provenienti da tutta la Sicilia

Il Maestro Giuseppe Longo

C’è chi si accontenta di una fredda aula magna di una scuola, con tanto di discorsi ufficiali, qualche lacrimuccia ed il rituale buffet; c’è chi preferisce una festa mondana con colleghi e parenti, con cena, musica e balli di gruppo.

C’è chi invece, in maniera originalissima, decide di festeggiare il proprio pensionamento, che lo Stato definisce “collocamento a riposo”, con un concerto musicale in una pubblica piazza, per  sintetizzare una brillante carriera insieme ai tanti compagni di viaggio nel corso di decenni vissuti tra spartiti, note, strumenti, saggi scolastici e feste paesane.

Giuseppe Longo per il Miur, Peppe per i familiari, gli amici ed i colleghi, ieri sera ha voluto festeggiare conun megaconcerto a Porto Empedocle il proprio “collocamento a riposo” dal ruolo di docente di musica che lo ha visto impegnato, nella sua carriera, in decine di istituti scolastici della nostra provincia. Ha scelto il palco di piazza Kennedy, grazie al patrocinio dell’amministrazione comunale, ed ha coinvolto ben 56 musicisti, quasi tutti docenti di educazione musicale e strumento in servizio in istituti di scuola secondaria di I e II grado in tante città siciliane e quasi tutti musicisti di lungo corso. Presenti anche due vice maestri componenti della banda dell’Aereonautica militare e dell’Arma dei Carabinieri.

“Ho voluto attorno a me i colleghi/amici di una vita – ha detto Peppe Longo durante il concerto – che non solo la scuola ma soprattutto la musica mi ha fatto incontrare. Con molti di loro non abbiamo solo condiviso giornate scolastiche e riunioni collegiali, ma percorsi musicali. Molti dei presenti, che hanno onorato la mia festa, dirigono complessi bandistici in tanti paesi e città della Sicilia. Con loro abbiamo suonato in rassegne per bande e con tanti abbiamo consumato chilometri e chilometri di strada durante processioni religiose, allietando con la nostra musica le feste patronali, vere risorse di beni culturali di una Sicilia che non dobbiamo far scomparire”.

Nelle quasi due ore di concerto, a cui ha assistito anche il sindaco di Porto Empedocle Ida Carmina e tanta gente, Peppe Longo ha proposto con la sua orchestra di fiati “Richard Wagner” 13 proposte musicali, tra marce sinfoniche, colonne sonore di celebri film e classici.

E’ stato un concerto intervallato da ricordi ed aneddoti che Peppe Longo ha raccontato pubblicamente dal palco, facendo emergere che la musica non è solo la trasformazione di pentagrammi in note musicali ma amicizia, condivisione di valori, socializzazione, conoscenze di usi e tradizioni.

Durante l’esecuzione diversi gli omaggi ad Ercole Longo, padre di Peppe, concertista per tantissimi anni in bande pugliesi, nonché insegnante e compositore.

Ed alla fine standing ovation per un concerto unico ed originale come quello di ieri sera che si è concluso con una coinvolgente fantasia di brani di Ennio Morricone, con la presenza straordinaria del soprano lirico Jole Pinto.

E dopo il “collocamento a  riposo” dalla scuola, per Peppe Longo si prospetta un impegno a tempo pieno con le sue bande musicali che dirige. Perché un Maestro di musica non va mai in pensione…

 

Altri articoli della stessa

2 Responses to Festeggia il suo pensionamento con un mega concerto in piazza

  1. Natalia Rispondi

    14/07/2019 a 16:41

    Grande Peppe! Lunga vita ai veri amanti della musica, che vita sarebbe senza! Un abbraccio

  2. Lorenzo todaro Rispondi

    16/07/2019 a 7:44

    Auguri di buon pensionamenyo ,sarei venuto a vederti se love avessi saputo in tempo utile.Buona fine carriers ciao ci vedremo

Rispondi a Lorenzo todaro Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *