“Festa”, un film sulla Madonna del Monte di Hamilton

da | 21 Apr 22

HAMILTON Charles Criminisi presenta il documentario dedicato ai festeggiamenti della Madonna del Monte che si svolgono nella città canadese a fine giugno. Un lavoro realizzato dal regista Terrance Odette. E intanto la comunità di Hamilton si prepara per il ritorno della festa dopo la pandemia.

Da oltre cinquecento anni la popolazione racalmutese celebra, come si sa, la festa in onore della “Madonna del Monte”. E’ una festa molto nota e ben documentata. Ad essere meno conosciuta è la festa “gemella” che da diverse decadi ha luogo ogni anno ad Hamilton. La versione canadese si articola sul modello di quella siciliana, sebbene in modo più semplice e modesto.

Alcuni anni fa un regista canadese, Terrance Odette, si è trasferito in una casa proprio dall’altra parte della strada rispetto alla sede di “Fratellanza racalmutese” ad Hamilton. Si tratta di un regista indipendente e molto apprezzato. La sua scelta di risiedere ad Hamilton è stato un vero arricchimento per tutta la comunità, come racconterò di seguito nella mia recensione.

Nel 2018 Mr. Odette ha chiesto agli organizzatori della festa ad Hamilton il permesso di fare delle riprese. E la sua richiesta è stata benevolmente accolta. E’ stata un’occasione davvero unica, dal momento che il fine settimana di giugno in cui ha avuto luogo è stato uno dei più piovosi degli ultimi anni. Nonostante ciò, il regista, armato di telecamera e microfono, ha seguito diligentemente i devoti della Madonna, man mano che attraversavano le strade di Hamilton, fino alla santa messa, facendo festa e cantando, perpetuando a loro modo questa illustre tradizione.

Da ciò che ha filmato nel 2018, Mr. Odette ha lentamente creato un’opera d’arte. Un film che è unico sia per il punto d’osservazione che per la prospettiva. Lo stile di Mr. Odette, infatti, consiste nel porsi in mezzo alla folla, in chiesa , tra la gente, in modo che lo spettatore si senta come se fosse lì in mezzo, cosa che dona al film un grande senso di intimità. Chi guarda la pellicola, non solo sente e vede quello che accade, ma ha la sensazione di essere tra coloro che prendono parte alla festa. Viene offerta allo spettatore la possibilità di conoscere le persone sullo schermo in modo reale, vero, senza filtri.

Personalmente ho avuto la possibilità di assistere ad entrambe le feste, sia a quella di Racalmuto che a quella di Hamilton. Mi sono mescolato alla folla ed ho “sentito” la devozione dei fedeli per la Madonna. Ma ero lì di presenza, per cui ho sperimentato queste sensazioni in prima persona. Il film “Festa” di Mr. Odette consente, anche a chi non ha mai partecipato direttamente, di sentirsi parte integrante della festa attraverso la pellicola. Mi piacerebbe sapere cosa ne penserebbero i cittadini di Racalmuto se lo vedessero! Cosa ne penserebbero di come la loro festa viene interpretata dai Canadesi e se potesse diventare un’opportunità per comprendere meglio noi emigrati e che vi sia la possibilità di mostrarglielo e capire il loro punto di vista.

Traduzione: Adele Maria Troisi

Festa” directed by Terrance Odette

Due fedeli devoti della Madonna del Monte in una foto tratta dal documentario del regista Terrance Odette

For over 500 years the people of Racalmuto have paid homage to and celebrated the Madonna del Monte. This festa is well known and well documented. What is lesser known is the “sister” festa that has taken place in Hamilton every year for several decades. The Canadian version models itself on the Sicilian one, albeit in a more modest and simple fashion.

A few years ago a Canadian film maker, Terrance Odette, relocated to a residence almost directly across the street from the Fratellanza Racalmutese in Hamilton. He was already accomplished in independent filmmaking and well known. His choice of new residents greatly benefited our community as I will describe in this review.

Back in 2018, Mr. Odette ask permission of the organizers of the Hamilton festa to film it. They graciously agreed. This was to be one of the more unique versions of it as the weekend in June on which it was held was one of the rainiest we have had in many years. Nevertheless, the film maker took out his camera and his microphone and diligently followed the devotees of the Madonna as they proceeded through the streets of Hamilton, went to holy mass, feasted, danced, sang, and generally carried on their version of this create and illustrious tradition.

From the footage he took in 2018 he slowly but surely created a work of art. A film that is unique in its vantage point and perspective. Mr. Odette’s style is to place himself in the crowd, in the church, amongst the people, so that the viewer feels as if he or she is there. this gives the film a tremendous sense of intimacy. We not only see and hear what is happening on the screen but have a sense that we are at one with those depicted and the festa taking place. we get to know the people on the screen in a way that is real and raw and true.

I have been to both versions of the festa, that in Racalmuto and the one in Hamilton. I have stood among the people and felt their devotion to the Madonna. But I was there and as such have experienced these feelings firsthand. Mr. Odette’s film “Festa” allows those who have not participated directly an opportunity to do so all be it through the vehicle of film. I am curious to know what people in racalmuto would think of this film if they were to see it. What would they think about are Canadian interpretation of their festa? Would they come to a deeper understanding of us immigrants? I hope there is an opportunity to show it to them and see what they think.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


Facebook