Favara, va in scena “La leggenda di Colapesce”

|




Proseguono le iniziative del XX Premio di Arte e Cultura “Ignazio Buttitta”

Un momento delle prove

Una serata dedicata al teatro, a Favara, nell’ambito delle iniziative della ventesima edizione del Premio di Arte e Cultura “Ignazio Buttitta”, organizzato dal Centro Culturale Renato Guttuso”  presieduto da Lina Urso Guccciardino.

Nella Sala Teatro dell’ex “Boccone del Povero” domani, giovedì 6 dicembre, va in scena “La leggenda di Colapesce”, liberamente riadattato da Nancy Mannino e Lucia Milia con la Regia di Lillo Montaperto.

Lillo Montaperto

L’opera teatrale vedrà sul palco una compagnia estemporanea di attrici ed attori, alcuni dei quali soci del Centro Guttuso, che per la prima volta affrontano le luci della ribalta: Lillo Montaperto;  Daniela e Salvatore Patti; Lucia Milia; Giuseppe Mendolia; Lillo Limblici; Giovanni Maria; Gloria Vullo; Giuseppina Zambito Marsala; Federico Ceresi; Nancy Mannino; Enzo Bullara; Giulia Montaperto; Silvia Mendolia.

Collaborano alla messa in scena: Giuseppina Zambito Marsala; Giovanna Crapanzano; Lillo Grova; Nancy Mannino e Lucia Mili; Rosaria Mendolia; Giuseppe Mendolia; Giuseppe Maria; Pierluigi Patti; scenografia a cura dell’Accademia arte cultura e legalità diretta dal maestro Vincenzo Patti, elaborata da Lillo Todaro. Ad aprire la serata Chiara Rizzo che, accompagnata al pianoforte dal maestro Graziano Mossuto, eseguirà “A ballata di Colapisci”.

La leggenda di Colapesce, le cui origini risalgono al XII secolo, è molta diffusa nell’Italia meridionale in molte versioni.

La XX edizione del Premio d’Arte e Cultura Siciliana “Ignazio Buttitta” si conclude sabato 8 dicembre alle16:30 al castello Chiaramonte di Favara con la Cerimonia di consegna dei Premi.

 

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *