Favara, nasce SPAB: la Società per Azioni Buone

da | 14 Mag 21

Florinda Saieva, cofondatrice di Farm e ideatrice di SPAB: “Da oggi ogni cittadino potrà essere azionista e quindi proprietario di un piccolo pezzo di città”

Florinda Saieva, socia e ideatrice di SPAB

Oggi sarà ufficialmente costituita a Favara SPAB, Società per Azioni Buone nella quale docenti, comuni cittadini, imprenditori, esponenti delle realtà associative e degli ordini professionali si costituiscono in un’impresa “che utilizzerà i propri capitali per progettare e realizzare iniziative che promuovano una migliore qualità della vita”.

“L’atto di costituzione della società sarà – spiegano i promotori – una cerimonia dal forte valore simbolico. I settanta Soci fondatori si disporranno in cerchio, alla presenza di un Notaio, ma non tra le mura di uno studio bensì in Piazza, ognuno con un albero accanto. Il primo atto di SPAB sarà infatti donare al Comune di Favara 70 alberi, ma c’è già in cantiere un progetto per la partecipazione a un Bando di Fondazione con il SUD sulla mobilità sostenibile. SPAB – aggiungono – è solo il propulsore di tutto questo, un sollecitatore di convergenza tra pubblico e privato per il bene comune. Nell’ultimo anno in Italia, i depositi in banca di famiglie e imprese risultano essere aumentati di 180,7 miliardi di euro, salendo a 1.743,9 miliardi. Si tratta di un’impennata annuale dell’11,6%. L’idea è di invitare le persone a dirottare una piccolissima parte di questi risparmi in progetti che abbiano un impatto nel loro futuro quotidiano, contribuendo per esempio a ridurre l’esodo dei loro figli in cerca di occupazione. Il CDA sarà a prevalenza femminile, e anche a partire da questo, Favara e SPAB possono divenire il laboratorio in cui applicare le idee più innovative per migliorare la qualità della vita all’interno del centro urbano”.

“Da oggi ogni cittadino potrà essere azionista e quindi proprietario di un piccolo pezzo di città – commenta Florinda Saieva, Founder di Farm, socia e ideatrice di SPABVogliamo semplicemente far sedere allo stesso tavolo persone che possiedono immobili strategici per lo sviluppo con chi dispone di risorse per fare degli investimenti in denaro insieme a coloro che hanno le competenze per portare avanti un percorso di cambiamento. In SPAB uno degli strumenti chiave del capitalismo e dell’economia si sposa con la parola Buone, plasmandosi a una nuova visione di società più consapevole, inclusiva e impegnata a migliorare la propria città e la vita dei cittadini. Di tutti i cittadini”

1 commento

  1. Caterina Busetta

    Bell’idea da imitare nelle proprie realtà locali Brava Florinda!Caterina

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


Facebook


Articoli Recenti: Malgrado Tutto Web

Ai nostri lettori

Ai nostri lettori

Ristrutturazione del sito. Da oggi, 4 agosto, sospendiamo la pubblicazione di nuovi articoli, la riprenderemo quando l’intervento di restyling sarà definitivamente completato

L’Estate di Regalpetra

L’Estate di Regalpetra

Racalmuto, le iniziative culturali organizzate dalla Fondazione Sciascia con il patrocinio del Comune

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Bianca Bianchi ed Elettra Pollastrini

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

Benito Cacciato, dopo trent’anni dall’ultimo libro, pubblica il suo nuovo romanzo “Iaco”, uno spaccato della Sicilia dell’entroterra tra gli anni ‘70 e ‘80. «Non ci vedo più, ma la memoria mi si è fatta sottile e precisa»

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

Ieri la cerimonia di consegna al Tempio di Giunone