Favara, Fabrizio Catalano incontra gli studenti dell’Istituto “Falcone – Borsellino”

da | 25 Mar 21

Al centro dell’incontro con il regista e scrittore, nipote di Leonardo Sciascia, “Il giorno della civetta”, uno dei più celebri romanzi di Sciascia.

Fabrizio Catalano in collegamento streaming con gli studenti dell’Istituto Comprensivo  “Falcone – Borsellino” di Favara

Favara, incontro all’ “Istituto Comprensivo “Falcone Borsellino” tra le classi terze della Scuola Media e Fabrizio Catalano, nipote del grande scrittore siciliano Leonardo Sciascia. 

L’occasione nasce per ricordare due avvenimenti molto importanti e, in un certo senso, correlati, ovvero la “Giornata Nazionale della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie”, che si è celebrata lo scorso 21 marzo, e i 60 anni dalla pubblicazione di uno dei romanzi più celebri di Sciascia, “Il giorno della civetta”, in cui, per la prima volta, il tema viene affrontato con un approccio non macchiettistico, o come fenomeno di costume.

“Partendo da queste premesse, e dopo avere letto in classe il romanzo – ci dice la docente di lettere Brigida Morreale– le ragazze e i ragazzi hanno avuto la possibilità di fare delle domande a Catalano che, oltre ad avere arricchito la conversazione con aneddoti personali – e dunque ancora più preziosi – legati alla figura del nonno, ha messo a disposizione delle classi la sua esperienza come regista e attore teatrale ed esperto cinematografico”.

Si è anche parlato di Sciascia maestro di scuola elementare (aspetto meno conosciuto), e, anche in questo caso, Catalano ha raccontato di come forse, il nonno, male, “così come era affezionato alla sua macchina da scrivere” si sarebbe approcciato alla DAD.

Un momento dell’incontro trasmesso attraverso le lim nelle varie classi

“Sciascia rappresenta ancora una sorta di lente di ingrandimento – ha detto la docente di lettere Linda Graci – con cui osservare il mondo che ci circonda, un intellettuale – parafrasando il nipote – come Pasolini, come Moravia, di cui oggi si sente la mancanza, nella società civile italiana, e non solo italiana ma che potrebbe nascere sui banchi delle nostre scuole, tra le nostre alunne e tra i nostri alunni”.

Soddisfatta il Dirigente Scolastico Maria Vella, piacevolmente colpita dalla qualità delle domande formulate dagli alunni e dall’approccio alla conversazione, seppur a distanza. “Gli alunni – ci dice  Maria Vella – sono rimasti piacevolmente colpiti dalla figura di Fabrizio Catalano, per il modo di conversare disinvolto e amichevole con il quale è riuscito a raccontare il nonno e lo scrittore; la mafia e l’atteggiamento mafioso che ancora oggi si manifestano in forme sempre nuove e celate nel quotidiano; ed ha esortato le nuove generazioni a non omologarsi al sistema, a pensare e ad esprimersi in maniera critica, a studiare ed informarsi. Questa è una delle grandi eredità ricevute dal nonno: avere il coraggio di essere una voce fuori dal coro”.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


Facebook


Articoli Recenti: Malgrado Tutto Web

Ai nostri lettori

Ai nostri lettori

Ristrutturazione del sito. Da oggi, 4 agosto, sospendiamo la pubblicazione di nuovi articoli, la riprenderemo quando l’intervento di restyling sarà definitivamente completato

L’Estate di Regalpetra

L’Estate di Regalpetra

Racalmuto, le iniziative culturali organizzate dalla Fondazione Sciascia con il patrocinio del Comune

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Bianca Bianchi ed Elettra Pollastrini

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

Benito Cacciato, dopo trent’anni dall’ultimo libro, pubblica il suo nuovo romanzo “Iaco”, uno spaccato della Sicilia dell’entroterra tra gli anni ‘70 e ‘80. «Non ci vedo più, ma la memoria mi si è fatta sottile e precisa»

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

Ieri la cerimonia di consegna al Tempio di Giunone