Farm Cultural Park: 12 candeline e una nuova sede a Mazzarino

da | 24 Giu 22

Un caleidoscopico programma culturale. Un lungo weekend di sorprese, gioia e apprendimento

Farm compie 12 anni, e celebra questo compleanno accendendo ancora una volta i riflettori su tematiche quali la parità di genere, la rigenerazione urbana e la sostenibilità ambientale, in due luoghi, Favara e Mazzarino, e una molteplicità di spazi.

Si comincia nella nuova sede di Mazzarino, in provincia di Caltanissetta, dove i due fondatori Florinda Saieva e Andrea Bartoli hanno deciso di far nascere un’altra Farm, non cloni di Favara, ma luoghi complementari a Farm Cultural Park. Proprio a Mazzarino ha preso il via il caleidoscopico calendario di eventi pensati per celebrare questo dodicesimo compleanno.

A Mazzarino il 24 giugno alle 18.00 la presentazione della quadriennale Radical She – Women Quadrennial of Art and Society. Sei mesi di mostre, esibizioni, installazioni, performance, laboratori, workshop, lecture e talks per parlare di gender equality, empowerment e leadership femminile attraverso l’arte e la creatività. La Quadriennale si svolgerà in Sicilia presso Farm Cultural Park, a Favara e presso la nuova sede di Mazzarino tra il 24 giugno 2022 e il 29 gennaio 2023. Il secondo appuntamento è il vernissage di Plurals – Broaden Horizon il cui obiettivo è ambizioso ma quanto mai urgente: ispirare una nuova generazione di leaders. Plurals è uno Youth Space, uno spazio pubblico con padiglioni dedicati all’architettura, il cinema, la musica, l’arte e il design, con alberi e piante e una straordinaria collezione di giornali nazionali ed internazionali, dedicati alla politica, all’economia, alla scienza e all’innovazione e ovviamente con un focus particolare su tutte le forme di espressione della creatività. Ospiterà una pittura monumentale di Salvo Ligama, installazioni di Domenico Pellegrino e Matteo Ambu, fotografie di Paolo Raeli e Salvatore Di Gregorio, opere digitali di artisti internazionali tra cui Giuseppe Veneziano e Ugo Re, capolavori di design del designer svizzero Ueli Biesenkamp di Konzepthaus. Anche La Guarimba ha accettato la sfida di Plurals aprendo una finestra attraverso il cinema e l’illustrazione e offrendo ai ragazzi la visione di artisti da tutto il mondo.

Per l’apertura di Farm a Mazzarino sono stati coinvolti il Politecnico di Torino, il Dipartimento di Sociologia di Catania, la Kore di Enna, la Paris School of Architecture, il Master di fotografia dello IUAV di Venezia, La Sapienza di Roma.

Si prosegue con le visite guidate di Palazzo Alberti e Palazzo Tortorici, una nuova infrastruttura sociale e culturale per Mazzarino con approcci transdisciplinari radicali, che si mette al servizio delle Comunità, e si propone di riattivare il ruolo dell’Architettura come catalizzatore sociale e motore di sviluppo di un territorio. Un nuovo centro culturale diverso da quelli esistenti; diverso anche da Farm a Favara. Uno spazio pubblico di libertà e democrazia in cui essere felici. La seratasi conclude con lo spettacolo di Danza Contemporanea: “Vestire la Diplomazia” a cura di Scenario Pubblico CZD/Centro Nazionale di Produzione della Danza e di cui sono autori ed interpreti Filippo Domini e Erik Zarcone.

Sabato 25 giugno alle ore 18.00 ai sette cortili di Favara la presentazione del nuovo libro di Francesca Cavallo, “Ho un fuoco nel cassetto”. Florinda Saieva, founder di Farm, guiderà il talk con l’autrice di bestsellers internazionali come “Storie della buonanotte per bambine ribelli”.  Subito dopo all’Averna Temporary bar. Ospite a Favara il 25 giugno sarà anche Amaro Averna, l’autentico amaro siciliano quintessenza dell’Isola, che sostiene le realtà culturalmente più vivaci e innovative della Sicilia contemporanea. Averna celebra la nuova amicizia con Farm Cultural Park e sarà presente con un Temporary bar nel FARM Riad, nel cuore dei Sette Cortili. A seguire un talk moderato da Fabio Ciaravella e con Florinda Saieva, Miriam La Rosa, Enrico Lain, Carmelo Vitello al termine del quale saranno ufficialmente aperti tutti gli spazi di Farm e Human Forest.

La serata si conclude con un live degli Alavò e con la replica dello spettacolo “Vestire la Diplomazia” a cura di Scenario Pubblico CZD/Centro Nazionale di Produzione della Danza e di cui sono autori ed interpreti Filippo Domini e Erik Zarcone.

Andrea Bartoli, Fondatore di Farm Cultural Park : “Uno dei video più celebri di Farm recita nella parte finale:  – What will win. The old corrupt system or the power for a change?,  Dopo 12 anni siamo ancora più determinati a combattere contro tutti coloro che per dolo, colpa, negligenza o incompetenza continuano a ostacolare il cambiamento in Sicilia”. 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


Facebook


Articoli Recenti: Malgrado Tutto Web

Ai nostri lettori

Ai nostri lettori

Ristrutturazione del sito. Da oggi, 4 agosto, sospendiamo la pubblicazione di nuovi articoli, la riprenderemo quando l’intervento di restyling sarà definitivamente completato

L’Estate di Regalpetra

L’Estate di Regalpetra

Racalmuto, le iniziative culturali organizzate dalla Fondazione Sciascia con il patrocinio del Comune

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Bianca Bianchi ed Elettra Pollastrini

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

Benito Cacciato, dopo trent’anni dall’ultimo libro, pubblica il suo nuovo romanzo “Iaco”, uno spaccato della Sicilia dell’entroterra tra gli anni ‘70 e ‘80. «Non ci vedo più, ma la memoria mi si è fatta sottile e precisa»

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

Ieri la cerimonia di consegna al Tempio di Giunone