Expo, si conclude con successo il viaggio dell’Ultima Cena

|




La Vara di Caltanissetta affascina i visitatori.

foto expo cl vara gruppo stampaVip

Con la chiusura dell’Expo di Milano si è conclusa con successo la trasferta del gruppo statuario dell’Ultima Cena, della Settimana Santa di Caltanissetta, in mostra dal 25 al 31 ottobre al Cluster Biomediterrano.

Il gruppo statuario, portato all’ ‘Esposizione Universale per fungere da richiamo turistico per la città di Caltanissetta, ha affascinato migliaia di visitatori durante la settimana conclusiva della manifestazione che ha chiuso i battenti il 31 ottobre.
I visitatori dell’Expò, le scolaresche, le famiglie, i giornalisti internazionali e persino i rappresentanti delle aziende espositrici, sono stati incuriositi dell’opera inspirata al Cenacolo di Leonardo Da Vinci, scattando centinaia di fotografie ed informandosi sulle opportunità turistiche del territorio.

La fortunata esposizione dell’Ultima Cena, ubicata all’interno del Cluster Biomediterraneo, in prossimità dell’albero della Vita e tra gli apprezzati chioschi siciliani di dolci, olio e pane ha reso un risultato positivo e non facilmente raggiungibile con altre occasioni di promozione.

selfie 2-1

“E’ stata una grande emozione notare l’attenzione dei visitatori a questo straordinario manufatto artistico che interpreta la fede e devozione religiosa di Caltanissetta – afferma Giovanni Ruvolo, sindaco di Caltanissetta – la Settimana Santa nissena, valorizzata e promossa, è stata oggetto di interesse e attenzione di rappresentanti di tutto il mondo e si avvia ad essere un appuntamento internazionale all’insegna della tradizione e dell’innovazione uscendo dai confini locali ”.

“La presenza della vara Ultima Cena della comunità di Caltanissetta in Expo – ha affermato Dario Cartabellotta Responsabile Unico del Cluster Biomediterraneo – ha rappresentato un grande segno della cultura e della devozione cristiana della nostra Sicilia”.

Nelle foto i gruppi di Caltanissetta che hanno partecipato all’Expo.

 

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *