Emilio Messana: “Riflettiamo bene prima di abbandonare le istituzioni…”

|




Il sindaco di Racalmuto annuncia la stabilizzazione dei precari e non risparmia critiche alle mozioni di sfiducia contro di lui presentate. 

Il sindaco di Racalmuto Emilio Messana

Racalmuto, avviate dalla giunta le procedure per la stabilizzazione dei precari. E’ quanto annuncia il sindaco Emilio Messana che in una nota spiega: “La giunta comunale ha approvato l’atto di indirizzo e il programma triennale del fabbisogno del personale. Si avviano cosi le procedure per la stabilizzazione del personale precario. Beneficeremo di un contributo regionale per i prossimi vent’anni, che ci consentirà di trasformare i contratti di settantasei lavoratori a tempo indeterminato. Il piano dovrà essere approvato da una commissione nazionale. Pertanto nei prossimi mesi dovrà essere seguito e difeso a Roma perché ottenga il parere favorevole”.

Messana apre poi una finestra sulle fibrillazioni politiche locali, passate e attuali, e sottolinea: “Se fosse passata la prima mozione di sfiducia nel novembre del 2016, promossa da “Racalmuto Prima di Tutto” e sventata dai consiglieri della Lista Borsellino e dai consiglieri del PD, i nostri contrattisti sarebbero rimasti a venti ore nel 2017, nel 2018, nel 2019: i lavoratori avrebbero perso 200.000,00 euro ogni anno. Oggi i consiglieri hanno presentato una nuova mozione di sfiducia. Riflettiamo bene prima di abbandonare le istituzioni e lasciare il paese nelle mani di un commissario. Dobbiamo credere nel nostro ruolo, come il popolo ha avuto fiducia in noi quando ci ha eletti”.

 

 

 

 

Altri articoli della stessa

2 Responses to Emilio Messana: “Riflettiamo bene prima di abbandonare le istituzioni…”

  1. IRATUSPROCREATOR Rispondi

    11/12/2018 a 8:53

    Riflettiamo bene caro Sindaco Emilio! Fatti delle domande e datti delle risposte! Come per esempio, ti sei mai chiesto qual’è il numero giusto di dipendenti per popolazione? Forse il numero giusto è quello dettato dal vicino paesello Comitini ovvero 67 dipendenti su una popolazione di 950 abitanti? La stabilizzazione porterà vantaggi ai soli interessati o a tutta la comunità cittadina che sempre più si assottiglia visto che in tanti vanno via da questo ormai sparuto paeselllo di manco 5 mila abitanti?? Lo sai che la Regione sicilia è tecnicamente fallita con un deficit di oltre 8 mila miliardi di debito?? Secondo te la Regione Sicilia sarà in grado per questi lunghi venti anni di erogare di erogare un contributo er gli stabilizzati! E se poi non sarà in grado, cosa succederebbe? Succederebbe che i settantasei stabilizzati passeranno in “groppa” al comune con un aggravio di spesa! Se ipotizzaimo uno sipendio medio di 1000 euro significherebbe che il comune deve sborsare 76.000 euro al mese + contributi INPS da pagare!! E dove si prenderebbero sti soldini visto che il comune è sempre in preddissesto economico?? Aumentanto le tasse ai malcapitati cittadini racalmutesi?? Aumentando poi cosa? Sull’IMU c’è la massima aliquota applicabile (10,60) forse sulla tassa dei rifiuti? Rifletti sindaco rifletti!!!

  2. ignazio scimè Rispondi

    11/12/2018 a 16:24

    Primum vivere deinde philosophari

Rispondi a ignazio scimè Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *