Elezioni. “Agrigento 2020” ha deciso: Primarie nella Giornata della Donna

|




Per il candidato a sindaco della coalizione si vota l’otto marzo. Lo annuncia il segretario provinciale del Pd: “La coalizione ha dimostrato – afferma Peppe Zambito – entusiasmo e fermezza nel continuare il percorso politico intrapreso”.

Peppe Zambito

Peppe Zambito

“Agrigento 2020” ha scelto l’otto marzo, giorno notoriamente dedicato alla donna, per lo svolgimento delle Primarie che dovrebbero sancire il candidato a sindaco della coalizione. L’annuncio viene dato in serata, attraverso una nota, dal segretario provinciale del Pd, Peppe Zambito.

Alla riunione che si è tenuta presso la sede provinciale del Partito Democratico di Agrigento erano presenti il segretario provinciale del Pd, Peppe ZambitoSettimio Cantone per Sicilia Democratica, Paolo Ferrara Coordinatore provinciale PDR, Paola Antinoro per Voce Siciliana, per il Megafono Mariagrazia Brandara e per il Patto per il Territorio Pietro Macedonio.

“La coalizione ha dimostrato – afferma Peppe Zambito – entusiasmo e fermezza nel continuare il percorso politico intrapreso. Ci siamo confrontati in un clima costruttivo nella convinzione che il nostro, ad oggi, è l’unico progetto concreto per la città di Agrigento, in grado di elaborare una proposta amministrativa credibile ed efficace.”

“Nel corso della riunione-si legge ancora nella nota- è stato costituito il Comitato dei Garanti per le primarie costituito da: Domenico Ferraro (PD), Salvatore Cinquemani (Sicilia Democratica), William Giacalone (PDR), Paola Antinoro (Voce Siciliana), Pasquale Danile (Patto per il Territorio).

Il Comitato dei Garanti, oltre a verificare la compatibilità dei candidati secondo il Codice Etico delle primarie, avrà il compito di vigilare sul regolare svolgimento delle stesse.

La riunione è servita anche per la definizione delle linee programmatiche alla quale dovranno attenersi tutti i candidati alle primarie. Un gruppo di lavoro specifico sta lavorando per l’elaborazione di un documento condiviso da sottoporre alla città”.

 

 

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *