Dove sono andati a finire i no-5G?

da | 20 Gen 22

 Fino a non molto tempo fa impazzavano sui social con post, foto, meme, link

Raimondo Moncada

“Il 5G fa male, fa venire tutte le malattie del mondo, sarà la fine dell’umanità. Il 5G non può, non deve essere autorizzato. Ci ribelleremo in ogni luogo, in ogni quota, anche oltre il cielo dell’Everest, per evitare che vengano istallate le antenne che inquineranno l’aria, che ci aizzeranno contro gli animali, che faranno eruttare i vulcani e i porci, che faranno collassare il pianeta”.

Dove sono andati a finire i no-5G che impazzavano fino a non molto tempo fa sui social con post, foto, meme, link?

Lo dico perché non si parlava d’altro, non si commentava altro, io stesso non vedevo altro sulla mia timeline. Era come adesso con il Covid. Il mio provato cervello ritorna sull’argomento non volutamente ma dopo aver visto la pubblicità  televisiva di una società telefonica che pubblicizza la propria offerta 5G.

Una questione da me sotterrata, dimenticata, cacciata nel vortice dell’oblio. Ma ora, sollecitato, mi chiedo: il 5G non fa più paura? E tutte le malattie trasmissibili attraverso le antenne? E tutto lo sconvolgimento neurobiologico su ognuno di noi? Perché questo silenzio? Forse perché gli algoritmi hanno deciso di oscurare sui miei profili social ogni cosa riguardante il 5G? Forse perché si fa rumore nel Dark Web, nelle profondità insondate di Internet? Forse perché gli smartphone di nuovissima generazione con cui interagiamo a colpi di like hanno già il 5G e tutto ciò ci piace e non ci poniamo più il problema? Forse perché si è deciso globalmente di saltare il 5G per concentrare tutte le energie social sul 6G che sarà un’ulteriore, inutile, dannosa, nociva rivoluzione della tecnologia di telefonia mobile e cellulare?

Un ultimo atroce dubbio che merita un’immediata risposta: e se la pandemia da Covid fosse stata causata da una scheggia impazzita uscita con da un laboratorio 5G sulle ali di un pipistrello con l’intelligenza artificiale impazzita?

Staremo a vedere. Si va a strappi. Non comandiamo più noi, poveri utenti che a nostra insaputa lo sappiamo. Sappiamo ora che fa male e ora che non fa male, perché siamo super esperti dell’una e dell’altra faccia della stessa medaglia avendo tutti gli strumenti di conoscenza a portata di smartphone che con l’avvento del 6G probabilmente sparirà in quanto sarà incorporato in ognuno di noi che molto presto ci trasformeremo in corpi ricetrasmittenti. Intanto arriva dagli Stati Uniti d’America la notizia del lancio del sistema 5G e della conseguente decisione di una compagnia aerea di sospendere la maggioranza dei propri voli per il timore di interferenze con i sistemi di bordo. Si ricomincia?

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


Facebook


Articoli Recenti: Malgrado Tutto Web

Ai nostri lettori

Ai nostri lettori

Ristrutturazione del sito. Da oggi, 4 agosto, sospendiamo la pubblicazione di nuovi articoli, la riprenderemo quando l’intervento di restyling sarà definitivamente completato

L’Estate di Regalpetra

L’Estate di Regalpetra

Racalmuto, le iniziative culturali organizzate dalla Fondazione Sciascia con il patrocinio del Comune

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Bianca Bianchi ed Elettra Pollastrini

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

Benito Cacciato, dopo trent’anni dall’ultimo libro, pubblica il suo nuovo romanzo “Iaco”, uno spaccato della Sicilia dell’entroterra tra gli anni ‘70 e ‘80. «Non ci vedo più, ma la memoria mi si è fatta sottile e precisa»

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

Ieri la cerimonia di consegna al Tempio di Giunone