“Dal gioco alla dipendenza”

|




Licata, convegno all’Istituto Fermi sulle ludopatie

Francesco Pira

Sabato 19 Ottobre, a Licata, a partire dalle 9,30, nell’Aula Magna dell’Istituto di Istruzione Superiore “Enrico Fermi”, è in programma il Convegno sul tema “Dal gioco alla dipendenza”, organizzato dall’ U.DI.CON. (Unione per la difesa dei consumatore, sede provinciale di Licata) in collaborazione la locale sezione dell’Unac. Relatore sarà il professor Francesco Pira, sociologo e docente di Comunicazione e giornalismo dell’Università di Messina. All’incontro parteciperanno gli studenti delle terze classi del Plesso di via Re Grillo. Previsti gli interventi e le testimonianze dell’infermiere Angelo Amato, della psicologa Esmeralda Greco, dell’avvocato Alberto Caffarello, del Presidente Unac Giovanni Costanza, del Dirigente Medico del Sert Giovanni Marrella, del sociologo  dell’ASP Vincenzo Armenio, del fisioterapista Vincenzo Guttadauro. Coordinerà il professor Gaetano Truisi.

Amelia Parello

“L’incontro – spiega la preside del Fermi Amelia Parello rientra in una collaborazione avviata con UDICON su temi di stringente attualità che interessano i nostri studenti. Francesco Pira ha già avuto altri incontri con i nostri studenti e formato i docenti sulle devianze del web”.

Antonino Amato

“Secondo il dipartimento delle Politiche antidroga nella fascia d’età dai 15 ai 19 anni – spiega Pira – circa il 10% delle ragazze e oltre il 20% dei maschi mostra comportamenti problematici nel campo della dipendenza da giocoQueste statistiche sono monitorate dal ministero della salute e vengono aggiornate dall’Osservatorio per il contrasto della diffusione del gioco d’azzardo e il fenomeno della dipendenza grave. Incontri come questi rivestono grande importanza”.

“Il nostro impegno – dice Antonino Amato, Presidente UDICON- è quello di lavorare a stretto contatto con il territorio e soprattutto di lavorare insieme alle scuole per sviluppare una sensibilità degli alunni a temi che riguardano la loro crescita e il loro futuro”.

 

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *