Da Palermo alla Vigata di Andrea Camilleri. Torna il Treno Storico

di | 15 Ott 21

Domenica 31 ottobre in viaggio su carrozze degli anni ’30 e ’50 del secolo scorso e una  locomotiva elettrica in livrea d’epoca

Foto Ferrovie Kaos

Dopo la lunga pausa dovuta alla emergenza Covid, il Treno Storico torna a fischiare sui binari di Sicilia. Il prossimo 31 ottobre in occasione della XXVII edizione di Chiese Aperte, iniziativa promossa da Archeoclub d’Italia che quest’anno organizzerà un percorso di visita emozionale proprio a Porto Empedocle, tra i vicoli e le piazze di due giganti della letteratura italiana, Luigi Pirandello e Andrea Camilleri.

“Il treno storico – spiegano le Associazioni Ferrovie Kaos e TrenoDOC,-  è organizzato dalla Fondazione FS e sarà composto da locomotiva elettrica in livrea d’epoca e meravigliose carrozze degli anni 30 e 50 del secolo scorso. La partenza del convoglio è prevista alle 9.20 e, percorrendo il meraviglioso entroterra della Sicilia, toccherà tutte le stazioni del percorso fino ad Agrigento Bassa (con arrivo previsto alle 11.53) dove origina la Ferrovia turistica dei Templi. Superata la fermata Tempio di Vulcano, dove chi vorrà potrà scendere per trascorrere una giornata al Giardino della Kolymbthra e al Parco Archeologico, il treno proseguirà verso l’ottocentesca stazione ferroviaria di Porto Empedocle C.le con arrivo previsto alle 12.28. I passeggeri potranno scendere e visitare l’impianto che conserva numerosi reperti di archeologia industriale e ferroviaria e consumare un pranzo a sacco tra i giardini della stazione. In alternativa, si potrà proseguire in treno fino alla vicina stazione di Porto Empedocle Succursale, dove i soci dell’Archeoclub accoglieranno i viaggiatori che hanno acquistato il pacchetto turistico dedicato”.

“Dopo la pausa pranzo – informano le due Associazioni – i soci dell’Archeoclub d’Italia Agrigento, raduneranno i viaggiatori alla Torre di Carlo V alle 14.30: qui avrà inizio una passeggiata letteraria con guide e studiosi del luogo che narreranno fatti e avvenimenti storici di Porto Empedocle tra i vicoli che hanno segnato l’infanzia e la gioventù di Luigi Pirandello e Andrea Camilleri. Il percorso si concluderà con l’evento nazionale Archeoclub intitolato” Chiese aperte”, giunto alla sua XXVII edizione. Sarà possibile visitare la graziosa Chiesa di Santa Croce, dedicata al culto della Madonna Addolorata, che sorge su una collina legata ai fatti storici dei moti del ’48  partiti da Palermo e giunti fino a Porto Empedocle dove, dentro la torre di Carlo V , furono trucidati i rivoltosi. Fatti raccontati nel primo romanzo storico di Andrea Camilleri dal titolo La strage dimenticata.  Il tour si concluderà con un breve rinfresco ed intrattenimento; alle 18.30 il treno ripartirà dalla stazione di Porto Empedocle Succursale alla volta di Palermo”.

“Si tratta – sottolineano Ferrovie Kaos e TrenoDOC.- di un appuntamento imperdibile per tutti gli appassionati di cultura ferroviaria della Sicilia. Quest’anno, infatti, a causa della situazione pandemica, non sono stati organizzati eventi in treno storico nel territorio della nostra regione. Ringraziamo la Fondazione FS per aver promosso questa iniziativa, con l’auspicio del ripristino di una offerta stabile di treni turistici a partire dal 2022”, .

A bordo treno i viaggiatori troveranno i soci dell’Associazione TrenoDOC in divisa storica, con servizio bar garantito per tutta la durata del viaggio. Per maggiori info sull’itinerario di viaggio e l’acquisto dei pacchetti turistici consultare il sito www.fondazionefs.it;

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli

Cerca nell’archivio

Archivi


  • “Istruire le nuove generazioni per una società multietnica”
    HAMILTON IN LINEA Si conclude con quest'articolo il racconto della vicenda legata alle ingiustizie subite dagli Italo-Canadesi durante la seconda guerra mondiale. Le scuse del Governo Italiano e i ringraziamenti delle famiglie di chi ha vissuto l'incubo della reclusione. La storia di Giovanni Travale e Vincenzo Lo Cicero […]

Facebook