Covid, le domande che un po’ tutti ci poniamo

da | 22 Set 20

Risponde il dott. Vincenzo Spoto, Direttore del Dipartimento di prevenzione ASP di Agrigento. Su Teleacras lo Speciale Medicina di Simona Carisi

Simona Carisi con l’ospite dello Speciale Giovanni Spoto

Gli allarmi di una pandemia erano prevenibili e prevedibili? Siamo ritornati realmente alla fase 1 della pandemia causata dal coronavirus “Covid-19?”

Quali sono le misure di prevenzione ad oggi adottate dalla nostra dall’Asp per contrastarla. Quanti casi di positività ad oggi in priovincia di Agrigento e quanti pazienti si trovano nelle nostre terapie intensive? Qual è la differenza e l’interpretazione di un risultato positivo ottenuto dall’esecuzione di un tampone ed un risultato positivo ottenuto attraverso il  test sierologico?

Cosa si intende per quarantena e cosa si intende per sorveglianza attiva degli individui a rischio di contagio da coronavirus? I migranti irregolari costituiscono un reale pericolo di trasmissibilità del virus nella nostra popolazione?

Se ne ne parla nello Speciale Medicina in onda domenica 27 settembre, alle 10,30, su Teleacras. Ospite di Simona Carisi il dott. Vincenzo Spoto, Direttore del Dipartimento di prevenzione ASP di Agrigento.

Repliche: martedì 29 settembre, alle 21, e giovedi 1 ottobre, alle 15

 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


Facebook


Articoli Recenti: Malgrado Tutto Web

Ai nostri lettori

Ai nostri lettori

Ristrutturazione del sito. Da oggi, 4 agosto, sospendiamo la pubblicazione di nuovi articoli, la riprenderemo quando l’intervento di restyling sarà definitivamente completato

L’Estate di Regalpetra

L’Estate di Regalpetra

Racalmuto, le iniziative culturali organizzate dalla Fondazione Sciascia con il patrocinio del Comune

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Bianca Bianchi ed Elettra Pollastrini

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

Benito Cacciato, dopo trent’anni dall’ultimo libro, pubblica il suo nuovo romanzo “Iaco”, uno spaccato della Sicilia dell’entroterra tra gli anni ‘70 e ‘80. «Non ci vedo più, ma la memoria mi si è fatta sottile e precisa»

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

Ieri la cerimonia di consegna al Tempio di Giunone