Coronavirus. “Quei morti andati via senza l’ultima carezza dei propri familiari”

da | 25 Mar 20

Da Milano la toccante testimonianza dello scrittore Matteo Collura

Il Coronavirus ha infierito impietosamente in Lombardia, causando molti morti in varie località della regione. Lo scrittore e giornalista Matteo Collura, di origine siciliana, vive da diversi anni a Milano e nella intervista che ci ha rilasciato, oltre a descrivere l’atmosfera che si vive nella capitale della Lombardia, ricorda anche il dramma che sta vivendo la città di Bergamo. “Ho provato una grande pena – dice – nel vedere quelle salme portate via da Bergamo con i camion militari. Morti che non avevano avuto il conforto dei propri familiari, e familiari che non avevano avuto la possibilità di vederli l’ultima volta, di poterli accarezzare, di accompagnarli per una sepoltura degna e umana”.

Guarda l’intervista

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


Facebook


Articoli Recenti: Malgrado Tutto Web

Ai nostri lettori

Ai nostri lettori

Ristrutturazione del sito. Da oggi, 4 agosto, sospendiamo la pubblicazione di nuovi articoli, la riprenderemo quando l’intervento di restyling sarà definitivamente completato

L’Estate di Regalpetra

L’Estate di Regalpetra

Racalmuto, le iniziative culturali organizzate dalla Fondazione Sciascia con il patrocinio del Comune

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Bianca Bianchi ed Elettra Pollastrini

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

Benito Cacciato, dopo trent’anni dall’ultimo libro, pubblica il suo nuovo romanzo “Iaco”, uno spaccato della Sicilia dell’entroterra tra gli anni ‘70 e ‘80. «Non ci vedo più, ma la memoria mi si è fatta sottile e precisa»

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

Ieri la cerimonia di consegna al Tempio di Giunone