Come sarà questa estate del Covid 19?

|




I luoghi dell’estate, le foto di Angelo Pitrone e “l’illusione”  che nulla è cambiato

Ritornano a salire le temperature, uscire con mascherina e guanti di lattice e una tortura. Come sarà questa nuova estate del Covid 19? Una nuova sfida e una speranza che tutto passi e venga archiviato.

Negli anni in cui andavo a scuola, questo mese di maggio era l’ultimo grosso impegno prima delle agognate vacanze. Era il tempo dei primi caldi, delle maniche corte, delle ultime interrogazioni e degli ultimi temi.

Negli anni della scuola elementare ma anche alle medie, erano i mitici anni ’60, poteva capitare un bel tema sull’estate e le vacanze imminenti. Oggi è questo che mi chiede il nostro Direttore Egidio Terrana.

Angelo Pitrone

Ma com’erano le estati che abbiamo vissuto, come eravamo. La fotografia mi permette questo salto temporale e, con la sua luce e i suoi colori, illudermi che nulla è cambiato e questa è la mia estate. Quello che resta sono i ricordi della città, del mare, della campagna delle vacanze che abbiamo vissuto. Attraverso il rinnovarsi degli anniversari, degli eventi e delle ricorrenze festive una certezza di certificazione e di continuità della vita.

Ma questi mesi che stiamo vivendo sono strani, non siamo in un post-terremoto o in un dopo-guerra. Non ci sono macerie e profughi per le strade. Tutto sembra come prima, le città le strade l’aria. Solo le immagini della televisione ci dicono che le persone stanno morendo a migliaia nel mondo, e ci si vede e si incontrano gli amici solo su internet. Sarà difficile raccontare questo lungo periodo del terzo millennio. Anche se esistono registrazioni di milioni di immagini e discorsi. Una vita parallela una vita dentro le scatole elettriche dei moderni dispositivi di comunicazione informatica. Una storia che basta schiacciare un tasto canc, e non esiste più. Un giorno tutto questo sparirà, e sarà solo un triste ricordo. Una sospensione del tempo e della vita.

I LUOGHI DELL’ESTATEGUARDA LE FOTO DI ANGELO PITRONE

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *