Cinema choc. Il primo Natale senza il cinepanettone di Christian De Sica | VIDEO

|




ANTICIPAZIONI. Niente cinepanettoni, ma tanti film, per i grandi e per i più piccoli, nelle sale. Dal super eroe di Gabriele Salvatore alla Costa azzurra di Woody Allen, dalla commedia di Aldo, Giovanni e Giacomo all’orsetto viaggiatore inglese. Ecco i consigli di Anna Rita Peritore.

Quest’anno è il primo Natale, dal lontano 1983, senza Christian De Sica. L’attore romano, infatti, non sarà nelle sale con il solito cinepanettone. Sono comunque numerose le commedie natalizie ed ecco, quindi, una piccola guida con i titoli più interessanti.

Christian De Sica

Christian De Sica

Per i più piccoli e gli adolescenti.

Lo Hobbit, la battaglia finale delle 5 armate di Peter Jackson. Per chi ama il fantasy, è imperdibile il film, in 3d, che chiude la trilogia di Jackson sul mondo di Tolkien. Ancora effetti speciali spettacolari per raccontare il conflitto di re e condottieri (veri protagonisti della storia), divisi tra chi insegue ossessioni personali e chi pensa al benessere del proprio popolo. Grande successo di botteghino sia all’Estero che in Italia.

Il ragazzo invisibile di Gabriele Salvatores

Il ragazzo invisibile di Gabriele Salvatores

Il ragazzo invisibile di Gabriele Salvatores con Ludovico Girardello, Valeria Golino, Ksenia Rappoport e Fabrizio Bentivoglio. Salvatores si misura con un genere nuovo in Italia per raccontare il primo esempio di super eroe italiano e europeo. Michele è un adolescente un po’ sfigato, vessato dai bulli della scuola che frequenta, incapace di confrontarsi con il mondo degli adulti. Ma una scoperta, improvvisa e casuale, cambia la sua vita per sempre. Michele ha il potere di rendersi invisibile e deve imparare a gestire questo suo dono. Film molto divertente, con scene commoventi ed esilaranti. Un cast importante con un grandissimo Bentivoglio che, ancora una volta, dimostra la sua capacità di trasformista.

Per i più piccoli il 25 dicembre esce Paddington di Paul King con Nicole Kidman. Il protagonista è l’orsetto viaggiatore con montgomery blu e cappellino antipioggia. Nato dalla penna di Michael Bond alla fine anni degli anni ’50, in Inghilterra è diventato così famoso che la sua immagine è stata usata su alcuni francobolli. La sua voce, in Italia, è stata doppiata da Francesco Mandelli.

Le commedie natalizie.

Gli amanti del trio Aldo, Giovanni e Giacomo potranno godersi la loro ultima fatica Il ricco il povero e il maggiordomo. Un incontro casuale tra un ricco industriale e il suo autista con un povero venditore ambulante abusivo, ribalterà i ruoli dando vita a situazioni grottesche e divertenti. Film garbato, un po’ naif, con momenti di comicità, molto gradevole da vedere.

Aldo, Giovanni e Giacomo

Aldo, Giovanni e Giacomo

Ma quest’anno nel panorama natalizio si affaccia un prodotto intelligente, sarcastico, assolutamente scorretto. Ogni maledetto Natale del trio Giacomo Ciarrapico, Mattia Torre e Luca Vendruscolo, autori di Boris. Cast ricchissimo per questo film: Alessandro Cattelan, Alessandra Mastronardi, Corrado Guzzanti, Laura Morante, Francesco Pannofino, Valerio Mastandrea, Marco Giallini. Massimo (Cattelan) e Giulia (Mastronardi) si conoscono qualche giorno prima di Natale e decidono di affrontare i fatidici giorni insieme: la vigilia da lei e il giorno di Natale da lui. Le due famiglie sono agli antipodi, quella di lei composta da specie di cavernicoli trogloditi che vivono nella Tuscia e quella di lui, invece, appartenente all’alta borghesia romana, ricchissima che vive in palazzo nobiliare con una schiera di domestici filippini. Gli attori interpretano lo stesso ruolo nelle due situazioni diverse, dando così prova di ottima versatilità. Un film surreale, graffiante, ricco di gag e scene comiche, con un grandissimo Corrado Guzzanti a capo della servitù filippina. Gli autori di Boris ribaltano in tragicommedia la festa per antonomasia che è il Natale. Azzeccatissima la ricca famiglia borghese apparentemente irreprensibile,ma con zone d’ombra di un cinismo spaventoso.

Woody Allen sul set di "Magic in the moonlight"

Woody Allen sul set di “Magic in the moonlight”

Dall’America Woody Allen.

Woody Alllen con il suo Magic in the Moonlight ci porta in Costa Azzurra dove ambienta questa commedia romantica con Colin Firth e Emma Stone. Un prestigiatore (Firth) decide di smascherare una ragazza (Stone) che sostiene di avere poteri paranormali. Allen ritorna ad un tema a lui caro, la magia, dove centrale è la dicotomia tra intelletto (Firth) e intuito (Stone) tra scettici e credenti, tra ragione e sentimento.

IL FILM

Ma l’attesa maggiore è per L’amore bugiardo (Gone girl) di David Fincher con Ben Affleck e Rosamund Pike, tratto dal best seller di Gillian Flynn che firma anche la sceneggiatura. Strutturato come un thriller, il film è, in realtà, molto di più. Una coppia giovane bella e ricca, entrambi giornalisti, a causa della crisi è costretta a lasciare NY per spostarsi in Missouri. Dopo un paio di anni lei scompare e il giovane marito viene sospettato di averla uccisa subendo un processo mediatico, come spesso accade in storie di questo tipo. Un susseguirsi di colpi di scena ci svelerà molte verità. La domanda centrale del film, che tutti saremo costretti a farci dopo averlo visto è: siamo sicuri di conoscere la persona che divide e condivide con noi la nostra vita? O potremmo un giorno, all’improvviso, scoprire che così non è? Un film che resta incollato addosso per giorni.

GUARDA IL TRAILER DEL FILM L’AMORE BUGIARDO

E ADESSO GUARDA L’INTERVISTA DI EGIDIO TERRANA AD  ANNA RITA PERITORE PER LA TRASMISSIONE DOMENICA E’ SEMPRE DOMENICA.

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *