Chiusa la discarica di Siculiana, è emergenza-conferimento rifiuti

|




Il Sindaco di Porto Empedocle, Lillo Firetto, presenta un’Interrogazione urgente all’Ars per sapere quali provvedimenti sta adottando il Governo per superare il problema. Il sindaco di Realmonte, Piero Puccio, chiede “massima collaborazione ai cittadini”.

Lillo Firetto

Lillo Firetto

Questa volta-si legge in un comunicato stampa diffuso dal Comune di Porto Empedocle- non è a causa di uno sciopero degli operatori ecologici se è stata sospesa la raccolta dei rifiuti solidi urbani e neppure il disagio è da addebitare a problemi di natura finanziaria o di liquidità. La causa della mancata raccolta dei rifiuti nel territorio del Comune di Porto Empedocle è da addebitare al fatto che è stata chiusa la discarica di Siculiana in quanto l’impianto ha esaurito la capacità di abbancamento dei rifiuti e purtroppo non sono ancora conclusi i lavori di ampliamento delle nuove vasche.

“A determinare lo stop al conferimento nell’impianto di Siculiana-prosegue la nota- per raggiunti limiti di contenimento, hanno contributo negli ultimi mesi anche le tonnellate di rifiuti che sono state scaricate da parte di molti altri Comuni siciliani che operano al di fuori del Consorzio locale. Quindi anche a Porto Empedocle così come negli altri Comuni interessati dall’Ato Rifiuti di Agrigento, è stato sospeso momentaneamente il conferimento dei rifiuti, in attesa che la Regione dia indicazioni alle imprese di raccolta dove poter andare a conferire. Si è provveduto solamente allo spazzamento delle vie ma purtroppo i cassonetti sono rimasti colmi. L’Amministrazione Comunale ha chiesto quindi ai cittadini di evitare in questi giorni di conferire i rifiuti nei cassonetti in attesa che si superi l’emergenza.

Proprio questa mattina-conclude la nota- il sindaco Lillo Firetto ha presentato all’Ars un’interrogazione urgente all’assessore regionale all’Energia e Rifiuti per conoscere quali provvedimenti sta adottando il Governo per scongiurare l’emergenza rifiuti e l’emergenza sanitaria”.

A Realmonte il sindaco, Piero Puccio, ha chiesto ai cittadini “la massima collaborazione  e di evitare in questi giorni di conferire i rifiuti nei cassonetti in attesa che si superi l’emergenza tenendo in conto anche il fatto che presto l’intero servizio di raccolta verrà sostituito con il “porta a porta” per cercare di diminuire i costi in bolletta e migliorare complessivamente l’igiene ambientale”.

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *