“Chi fermerà la Musica”. L’emergenza covid e la crisi dei lavoratori dello spettacolo

da | 27 Apr 21

Agrigento, il primo maggio manifestazione degli operatori del settore per sensibilizzare l’opinione pubblica 

“Sensibilizzare, attraverso gli organi di stampa e i media locali, regionali e nazionali, sulla gravissima condizione in cui versa l’intero settore dello spettacolo, che da sempre rappresenta la Cultura dei Popoli nella nostra terra”.

E’ questo l’obiettivo della manifestazione “Chi fermerà la Musica” in programma il prossimo primo maggio, dalle 10 alle 13, nella Valle dei Templi di  Agrigento, nello spazio antistante il Tempio di Ercole.

A promuoverla quattro autorevoli esponenti del settore: Salvo Caruso, Emanuele Farruggia, Riccardo Liotta e Christian Vassallo. “Per l’occasione – dicono – esprimeremo la nostra indignazione per una serie di decisioni prese dal Governo Nazionale che non ci consentono di lavorare in sicurezza per il futuro, nonostante i già 14 mesi trascorsi nell’indifferenza più totale”.

La manifestazione, autorizzata dagli organi competenti, si svolgerà nel rispetto delle norme anti – covid. Previsti diversi momenti di Flashmob.

 

 

 

 

 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


Facebook


Articoli Recenti: Malgrado Tutto Web

Ai nostri lettori

Ai nostri lettori

Ristrutturazione del sito. Da oggi, 4 agosto, sospendiamo la pubblicazione di nuovi articoli, la riprenderemo quando l’intervento di restyling sarà definitivamente completato

L’Estate di Regalpetra

L’Estate di Regalpetra

Racalmuto, le iniziative culturali organizzate dalla Fondazione Sciascia con il patrocinio del Comune

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Bianca Bianchi ed Elettra Pollastrini

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

Benito Cacciato, dopo trent’anni dall’ultimo libro, pubblica il suo nuovo romanzo “Iaco”, uno spaccato della Sicilia dell’entroterra tra gli anni ‘70 e ‘80. «Non ci vedo più, ma la memoria mi si è fatta sottile e precisa»

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

Ieri la cerimonia di consegna al Tempio di Giunone