Home » Archives by category » Rubriche » La stanza dello scirocco

Mettiamo in quarantena i virologi di Stato, “nemici della contentezza”

Mettiamo in quarantena i virologi di Stato, “nemici della contentezza”

Nuovi Savonarola, gli immunologi di Stato imperversano su giornali e tv con opinioni diverse e contrastanti. Stiano zitti per un po'…

Evviva, col virus è tornata la vecchia lingua della burocrazia

Evviva, col virus è tornata la vecchia lingua della burocrazia

Dai congiunti ai DPCM, dalle autocertificazioni al comma 1, tutti i vizi del gergo ufficiale e pedatesco sono tornati prepotenti…

Così è stata soppressa la libertà di fare niente

Così è stata soppressa la libertà di fare niente

Il tema della libertà sembra venir dopo quella della sicurezza dei lavoratori e dei consumatori. Perchè?…

Quelli della terza C. Cena di classe al tempo del virus

Quelli della terza C. Cena di classe al tempo del virus

Come nasce su whatsapp una riunione tra vecchi compagni di scuola, alcuni dei quali non si vedono da quarant'anni…

L’informazione con la mascherina sugli occhi

L’informazione con la mascherina sugli occhi

Mai come adesso giornali e tv si sono schierati con le posizioni ufficiali, spesso contraddittorie. All'informazione si è sostituita la comunicazione istituzionale…

Muoviti ddocu, muoviti fermo. La sapienza del dialetto

Muoviti ddocu, muoviti fermo. La sapienza del dialetto

In questi giorni di immobilismo forzato, il dialetto siciliano offre una frase antica che assume significato universale: muoversi restando a casa …

Quando la politica viene messa in rima

Quando la politica viene messa in rima

PASQUINATE RACALMUTESI. Oltre cinquant'anni di strofe anonime per raccontare la vita politica del paese. E non solo...…

La monaca del convento del Gattopardo

La monaca del convento del Gattopardo

C'era una suora racalmutese accanto alla Beata raccontata nel romanzo di Tomasi di Lampedusa. Cosa si sa di lei?…

C’è un treno nella vita di ogni siciliano

C’è un treno nella vita di ogni siciliano

Treni e stazioni di Sicilia, i ricordi di Andrea Camilleri. Foto di Angelo Pitrone …

Metti che Nanà nasceva a Caropepe. Come sarebbe oggi Racalmuto?

Metti che Nanà nasceva a Caropepe. Come sarebbe oggi Racalmuto?

Gaetano Savatteri prova a immaginare un paese senza Sciascia: né statue né Fondazioni. Meno riflettori accesi, meno clamore, meno celebrità. E molte polemiche in meno. Sarebbe stato meglio?…