Caru Lilliddru, quantu nni’ manchi

di | 20 Feb 21

“…parivatu l’ultimu ma eratu ‘ntesta“. Le poesie di Giovanni Salvo

Marino fotografato da Salvatore Farina

Lillo Marinp fotografato da Salvatore Farina

CARU LILLIDDRU

Caru Lilliddru quantu nni’ manchi,

lu to sicarru, li to passi stanchi

La virdureddra misa a cucuzzu

li to’ parulazzi jttati a muzzu

Parivatu l’ultimu ma eratu ‘ntesta

senza di tia nun c’era la festa

A vuci forti ppi tutta la chiazza

la to curriola, la to varbazza

Eranu tosti, sicchi e  accatastati

ligna ruventi gia’ staggiunati

A San Gniseppi di tutti li santi

facisti faiddri , li vampi cchiu’ anti

Campasti liberu tra li carzarati

di la menti a lu denti cu du vrazzati

Lu tascu ‘ntesta bonu ‘ncarcatu

fora lu grasciu ma di armu sciacquatu.

1 commento

  1. Avatar

    Bravo

    Complimenti per aver ricordato quello che tutti consideravano l”ultumo

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli

Cerca nell’archivio

Archivi


Facebook