Carenza di medici. “E’ ora di intervenire senza se e senza ma”

da | 26 Lug 22

Cosi Il Presidente dell’Ordine dei Medici di Agrigento Santo Pitruzzella. Il vice presidente Piero Luparello: “Necessario rimediare nel più breve tempo possibile alla grave carenza di organico”

Santo Pitruzzella presidente Ordine dei Medici Agrigento 

La scomparsa di Giovanni Buccoliero, medico morto improvvisamente mentre stava visitando i pazienti all’ospedale Giannuzzi di Manduria, riapre il dibattito sulla “Questione medica”, argomento trattato di recente durante la riunione svoltasi ad Agrigento tra i nove presidenti degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri (Omceo) di Sicilia e i vertici della Federazione nazionale ordini medici chirurghi e odontoiatri (Fnomceo). Una “questione” di rilevante importanza, considerato che i camici bianchi, a causa dell’ormai storica carenza di personale, sono sottoposti a turni di lavoro massacranti che, talvolta, hanno un drammatico epilogo, come nel caso della morte del dottore Buccoliero.

“Lo abbiamo detto più volte – afferma Santo Pitruzzella, presidente Omceo Agrigento – se non si procede con le assunzioni di medici, risolvendo le criticità poste alla base del blocco delle assunzioni, continueremo a registrare gravissime conseguenze, come nel caso del dottore Buccoliero. Una perdita difficile da accettare. L’Ordine dei medici chirurghi e degli odontoiatri di Agrigento è a fianco della famiglia Buccoliero che oggi piange la scomparsa di un uomo, di un medico che, ed è veramente il caso di dirlo, ha dato la propria vita in nome della professione. Professione spesso bistrattata da continui tagli, dalla mancanza di assunzioni che sfociano, inevitabilmente, in nefaste conseguenze. È ora di intervenire, senza se e senza ma, affinché si proceda nel più breve tempo possibile a risolvere i problemi della categoria a cominciare dal rimpinguamento delle magre schiere di medici, le cui amare conseguenze sono ormai sotto gli occhi di tutti”.

Piero Luparello, vicepresidente Ordine dei Medici Agrigento

A lanciare un appello alle istituzioni sanitarie è anche Piero Luparello, vicepresidente dell’Omceo di Agrigento. “Ritengo sia necessario rimediare nel più breve tempo possibile alla grave carenza di organico – afferma – così da salvaguardare il personale in servizio sottoposto a ritmi di lavoro intensi; garantire l’opportuna qualità dell’assistenza sanitaria e distribuire al meglio le risorse umane attualmente in servizio, soprattutto in considerazione delle ferie estive capaci di acuire ancor più un problema che interessa tanto i medici, quanto gli stessi pazienti”.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


Facebook


Articoli Recenti: Malgrado Tutto Web

Ai nostri lettori

Ai nostri lettori

Ristrutturazione del sito. Da oggi, 4 agosto, sospendiamo la pubblicazione di nuovi articoli, la riprenderemo quando l’intervento di restyling sarà definitivamente completato

L’Estate di Regalpetra

L’Estate di Regalpetra

Racalmuto, le iniziative culturali organizzate dalla Fondazione Sciascia con il patrocinio del Comune

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Bianca Bianchi ed Elettra Pollastrini

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

Benito Cacciato, dopo trent’anni dall’ultimo libro, pubblica il suo nuovo romanzo “Iaco”, uno spaccato della Sicilia dell’entroterra tra gli anni ‘70 e ‘80. «Non ci vedo più, ma la memoria mi si è fatta sottile e precisa»

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

Ieri la cerimonia di consegna al Tempio di Giunone