Canicattì, per il nuovo sindaco bisognerà aspettare il ballottaggio

|




Elezioni. Il punto di vista di Carmelo Vella, direttore di Tv Europa. “Che i canicattinesi scelgano il nuovo sindaco domenica prossima, tranne incredibili colpi di scena, è davvero molto ma molto improbabile, anzi impossibile…Quasi latitanti i big nazionali e regionali…Campagna elettorale in sordina con i candidati che hanno scelto il porta a porta…”

Carmelo Vella

Carmelo Vella

E’ iniziato il conto alla rovescia. Il 5 giugno, quando i cittadini andranno alle urne per eleggere il nuovo sindaco di Canicattì ormai è alle porte. Oltre 20  mila gli elettori aventi diritto che dovranno scegliere tra nove candidati, uno dei quali sarà il successore di Vincenzo Corbo, che per ben dieci anni, ininterrottamente, ha guidato la città e 316 aspiranti consiglieri per 24 posti da occupare. Ma questa campagna elettorale non ha entusiasmato più di tanto. E’ stata una “caccia” al voto quasi in sordina.

Molti candidati hanno scelto il porta a porta, sistema mai tramontato. A Canicattì di big della politica nazionale e regionale, se ne sono visti davvero pochi.  Ma le amministrative di giugno un dato lo hanno già fatto emergere: non è stato possibile proporre agli elettori quelle coalizioni di partiti che oggi governano, o viceversa stanno all’opposizione a Roma o Palermo.

Tra poche ora a contendersi la carica di capo dell’amministrazione comunale saranno: Ivan Paci,  sostenuto dalle liste civiche “Canicattì Riparte” “Paci Sindaco” “Nuova Canicattì”. Angelo Caico appoggiato dall’Udc. Ettore Di Ventura, sostenuto da Partito Democratico. Uniti per Canicattì e “Soprattutto Canicattì” Gaetano Rizzo, appoggiato da “Sicilia Futura” e “Un Passo Avanti”. Antonio Scrimali sostenuto dalla civica “Con Scrimali per Canicattì”. Salvatore Polizzi sostenuto dalla lista “Patto per Canicattì”. Gioacchino Asti sostenuto da“I Canicattinesi- Asti Sindaco” e “Fare con Tosi”. Giovanni Salvaggio appoggiato da “Canicattì Unica”. Sandro Marchese Ragona del Movimento cinque Stelle.

Che i canicattinesi scelgano il nuovo sindaco domenica prossima, tranne incredibili colpi di scena, è davvero molto ma molto improbabile anzi impossibile. Quindi, ci vorrà sicuramente il turno di ballottaggio. Ed allora tutto dovrebbe essere rinviato al 19 giugno. Soltanto in quella occasione, però, assetti e schiarimenti politici saranno più chiari.

I CANDIDATI

sindaci-canicattì

 

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *