Caltanissetta, una targa nella chiesa dove si sposò Sciascia

da | 19 Lug 22

Era il 19 luglio del 1944. La cerimonia nel sagrato della chiesetta della Provvidenza. L’iniziativa del Comitato di quartiere e della parrocchia

Un momento della cerimonia. Foto di Salvatore Picone

Ieri pomeriggio a Caltanissetta, in una piccola e sobria cerimonia che si è svolta davanti la piccola chiesetta della Provvidenza, è stata collocata una targa che ricorda il matrimonio di Leonardo Sciascia e Maria Andronico. Era il 19 luglio del 1944 e i due ventenni Leonardo e Maria, dopo che si erano conosciuti a Racalmuto, si sono sposati in questa chiesetta nel cuore del centro storico della città.

L’iniziativa è stata organizzata da Marco D’Anna del Comitato di quartiere Provvidenza – San Giuseppe e dal parroco Don Mario Cosentino.

La chiesetta della Provvidenza, da anni chiusa per motivi di sicurezza, è un piccolo gioiello che andrebbe recuperato. Nella sagrestia di questa chiesa, 78 anni fa, Maria Andronico e Leonardo Sciascia si sono sposati. Celebrante Don Alfonso Bingo, insegnante di Religione all’istituto magistrale della città.

Accanto a loro i testimoni Ugo Cordova e Stefano Vilardo, che regalerà ai novelli sposi – che torneranno subito a Racalmuto per stabilirsi nella casa delle zie di via Regina Margherita – due conigli.

Alla cerimonia di ieri ha partecipato Vito Catalano, nipote dello scrittore, che è intervenuto assieme alla cugina Mila Rossi.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


Facebook


Articoli Recenti: Malgrado Tutto Web

Ai nostri lettori

Ai nostri lettori

Ristrutturazione del sito. Da oggi, 4 agosto, sospendiamo la pubblicazione di nuovi articoli, la riprenderemo quando l’intervento di restyling sarà definitivamente completato

L’Estate di Regalpetra

L’Estate di Regalpetra

Racalmuto, le iniziative culturali organizzate dalla Fondazione Sciascia con il patrocinio del Comune

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Ester Rizzo racconta le 21 Madri Costituenti

Bianca Bianchi ed Elettra Pollastrini

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

«La cecità mi ha risvegliato l’amore per la scrittura»

Benito Cacciato, dopo trent’anni dall’ultimo libro, pubblica il suo nuovo romanzo “Iaco”, uno spaccato della Sicilia dell’entroterra tra gli anni ‘70 e ‘80. «Non ci vedo più, ma la memoria mi si è fatta sottile e precisa»

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

“Mimosa d’oro”. Tutte le premiate

Ieri la cerimonia di consegna al Tempio di Giunone