Calamonaci, si alza il sipario sulla sesta Rassegna Teatrale “Giovanni Raffiti”

|




Dal 20 dicembre a marzo 2015 una ricca stagione al Teatro Nicolaj con compagnie locali e nazionali. Il programma.

calamonaci 1

Il Teatro Aldo Nicolaj di Calamonaci è pronto ad ospitare la 6° Rassegna Teatrale “Premio Giovanni Raffiti” che prenderà il via il 20 dicembre e si concluderà il 7 marzo 2015.

Il programma prevede ben 9 opere teatrali, tra cui faranno spicco due compagnie teatrali nazionali e diverse associazioni regionali. Si tratta di professionisti della vita da palcoscenico che delizieranno il pubblico con commedie davvero esilaranti. Quasi tutto esaurito per gli abbonamenti.

Direttore artistico della rassegna Enzo Raffiti in collaborazione con l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Vincenzo Inga e con la Pro Loco di Calamonaci.

La rassegna, presentata da Ornella Vesco, si aprirà il 20 di Dicembre con l’Associazione Teatrale “La Svolta” di Licata che metterà in scena l’esilarante commedia “Ora ca mamma muriu cu su teni ‘u papà”, opera del commediografo Calogero Maurici di Burgio, uno degli autori più rappresentati in Sicilia.

Si proseguirà il 27 dicembre con l’attesissimo spettacolo di Toti e Totino che reciteranno per conto del Teatro Stabile Nisseno ne “Il ratto delle Sabine.

toti-e-totino

Il 6 gennaio 2015, arriva a Calamonaci una compagnia nazionale, attori romani e napoletani della produzione Diaghilev di Roma rappresenteranno Antonio Grosso in “Venerdì 17”  con la regia di Paolo Triestino.

Tra i nomi delle compagnie partecipanti vi sono quelli dell’Accademia dei Guitti di Caltanissetta, della compagnia Antidoto di Gela e della compagnia del Teatro Stabile Insieme di San Cataldo che nell’ultima edizione hanno fatto incetta di prcalamonaci 2emi.

Le altre tre compagnie impegnate al Nicolaj sono la Compagnia dell’Isola di Sciacca che presenterà l’opera “Cose che capitano”, l’associazione Teatro e Amicizia Allavam di Ribera con “U misi a lu friscu”, e la locale Associazione Culturale Teatrale CalamonacinScena che chiuderà la rassegna con la commedia “Ha da passà ‘a nuttata”.

“Abbiamo lavorato per l’organizzazione della rassegna per diversi mesi, ci dice il direttore artistico Enzo Raffiti, affrontando diverse difficoltà, soprattutto quelle finanziarie. Dobbiamo ringraziare l’Amministrazione Comunale, la Pro Loco, gli sponsor e soprattutto saremo grati a quanti, numerosi come negli anni scorsi, vorranno venire a gustare le pieces del teatro dialettale siciliano”.

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *