Bellomo: “Ecco perché non è stata presentata la mia lista”

|




Elezioni Grotte. “Ho atteso con pazienza biblica il compimento delle necessarie quadrature ma…”

Venerando Bellomo

In una lettera aperta inviata agli organi di stampa l’Avvocato Venerando Bellomo, uno dei tre candidati a sindaco alle elezioni comunali di Grotte, spiega le ragioni per le quali la sua lista non è stata più presentata.

Di seguito il testo integrale della sua dichiarazione.

“Com’è ormai noto, con il mio gruppo politico, che mi ha voluto e sostenuto quale candidato sindaco per lo scrutinio elettorale, abbiamo deciso di non proseguire oltre e, pertanto, di non presentare la lista.

Ciò, com’è capibile mi ha provocato e ci ha provocato un grande dispiacere, soprattutto per Voi cittadini per avervi dato una minore possibilità di scelta. Ma tant’è.

Tale decisione Vi assicuro è stata il frutto di un atto di responsabilità, essendo convinti che pur essendo la politica il luogo proprio dell’arte della mediazione, lo è anche delle scelte irrevocabili, necessarie per il compimento del benessere collettivo che ha ispirato il nostro impegno in questa vicenda elettorale.

Purtroppo, pur attendendo con pazienza biblica il compimento delle necessarie quadrature, ci siamo resi conto che non erano presenti le condizioni giustificatrici per una competizione di alto profilo così come il nostro paese meritava.

Ciò per l’atteggiamento discinetico e perennemente nocivo di larve popolari il cui solo scopo è quello di destabilizzare il corretto svolgimento del discorrere politico: quello vero, non virtuale, non vanaglorioso.

Al contempo ho il dovere morale di ringraziare di vero cuore gli amici che mi hanno voluto e sostenuto: Paolino Fantauzzo, Decio Terrana, Liliana Liotta, Diego Aquilina, Piero Castronovo, Giusy Cimino, Angelo Puglisi, gli amici che avevano dato la loro disponibilità alla candidatura,e quanti che al momento mi sfuggono, ma ai quali sono grato.

Il non aver presentato la lista elettorale, certo non ci scoraggia ma, al contrario, ci fortifica in un maggiore impegno politico.

Certo che il dialogo non subirà alcun minimo arresto, stante che il nostro impegno civico è la sola scaturigine della nostra attività politica”.

Venerando Bellomo

 

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *