Antonino e Vincenzo, oggi sposi a Siculiana. Un VIDEO di nozze contro tutti i pregiudizi|GUARDA E CONDIVIDI





MATRIMONI. Antonino Firetto è nato ad Agrigento, Vincenzo Arena è nato a Manduria, in provincia di Taranto. Si sono sposati a New York e hanno festeggiato a Siculiana. La prima festa di nozze gay in provincia di Agrigento, girata da Andrea Sardo come la più romantica favola d’amore. Vincenzo e Antonino dicono: “Love is love. Love is one. Condividete la nostra gioia e inoltrate questo video” 

IN ESCLUSIVA PER MALGRADO TUTTO

Antonino e Vincenzo sono due italiani, come tanti altri. Vivono insieme, a Roma. Lavorano sodo, ogni santo giorno. Pagano le tasse. Amano il loro Paese. Conducono una vita tranquilla. Hanno tanti amici…

– Bene! E allora? – direte voi – che c’è di strano?

Vincenzo Arena e Antonino Firetto

Vincenzo Arena e Antonino Firetto

Nulla, se non il fatto che ancora oggi nel 2014, proprio quel Paese che tanto adorano non permetta loro di amarsi. O peggio, non riconosca e non legalizzi il loro diritto a volersi bene, a tutelarsi reciprocamente, a proteggersi e prendersi cura l’uno dell’altro.

“Per motivi di ordine pubblico”, quasi fossero – insieme a tanti altri loro pari del resto – da intendersi come soggetti pericolosi o inquietanti.

Un anno fa, il 6 novembre 2013, A&V (Anto & Vinx) hanno deciso di convolare a nozze a New York, alla presenza di pochi intimi. In poche ore e senza troppi intoppi burocratici il sogno di una vita è diventato realtà. Un ufficiale civile afroamericana, simpatica e dolcissima, ha sigillato il loro amore alla presenza di pochi fidatissimi testimoni, tutti italiani.

Un amore che è legalmente riconosciuto nello stato di New York. E anche in molti altri al mondo. Ma non in quello in cui loro vivono e vogliono restare dove, anzi, è assolutamente negato.

Sorretti l’uno dalla forza dell’altro, inarrestabili e convinti della bontà dei propri sentimenti, Anto & Vinx hanno voluto dare un segnale, una testimonianza d’amore.

E così, il 27 luglio 2014 hanno scelto l’incantevole scenario del Castello di Chiaramonte a Siculiana, a due passi dalla Valle dei Templi, in una terra ricca di storia e di bellezza, per sigillare la loro unione. Riunendo insieme parenti e amici di due Vite. Che sono accorsi da ogni angolo del mondo.

GUARDA IL VIDEO – REGIA DI ANDREA SARDO

Quella sera, che a detta di molti resterà indimenticabile e fiabesca, i novelli sposi hanno regalato emozioni di gioia e pace, pure e fresche, con un tocco di sobria eleganza. Sottovoce e con delicatezza, i due mariti hanno ripercorso le tappe della loro storia, segnata da momenti tanto dolci quanto amari, tanto gioiosi quanto duri.

La cerimonia – unica nel suo genere perché incentrata non solo sulla promessa d’amore eterno, ma anche sul perdono reciproco – è stata infatti volutamente affiancata anche da veri e propri pugni nello stomaco. Inaspettata e mozzafiato la rappresentazione teatrale nelle Segrete, le antiche prigioni del Castello.

Quale luogo simbolico migliore per inscenare l’omofobia, lo stigma, il tormento interiore di chi si sente incompreso ed emarginato!? Prigioniero, per l’appunto, di colpe esterne e angosce interiori. Un prigioniero che poi però, grazie alla luce, alla pace e alla gioia di sapersi guardare dentro, alla sua forza di reagire, riesce ad affrancarsi e a gioire della libertà di esprimere se stesso. Ed ecco un’esplosione di ballerini vestiti candidamente e con fasce dei colori vitali dell’arcobaleno. Si uniscono in una danza euforica, vigorosa. Genuina. Quella dell’amore, per se stessi e per gli altri.

Un'iimagine dal video della festa di Antonino e Vincenzo

Un’immagine dal video della festa di Antonino e Vincenzo

“Abbiamo portato all’altare l’essenza del nostro Amore: il sostegno dei nostri cari, genitori e parenti, che nonostante tutto e tutti ci sono sempre accanto” dice Antonino. E continua: “Abbiamo condiviso la luce e il sorriso, vedendoli riflessi negli sguardi e sulle labbra dei nostri invitati. Abbiamo condiviso l’amore, abbiamo sentito il calore dell’abbraccio e il sorriso commosso di tutti i nostri invitati, anche quelli dai cuori meno teneri. Tutti gli ospiti erano commossi e applaudivano di continuo, inebriati dal tema dell’amore universale che si respirava a tutto tondo”.

Vincenzo aggiunge: “Siamo convinti che le immagini valgano più di mille parole. Vogliamo condividere, attraverso il nostro video, la nostra gioia con chi è stato con noi quel giorno, ma anche con chi non c’era. E ancor di più con chi è scettico o prevenuto, con chi ignora quanto sia normale l’amore tra due uomini o tra due donne. Vogliamo, nel nostro piccolo e per quel che possiamo, testimoniare la normalità dell’amore. La bellezza dell’amore, in tutte le sue forme.

Un'altra immagine dal video curato da Andrea Sardo

Un’altra immagine dal video curato da Andrea Sardo

Sperando di instillare una goccia di coraggio e di forza in chi ancora oggi ha paura, in chi finge a se stesso, in chi fugge da se stesso. In chi si nasconde o si convince di essere “sbagliato” o “diverso”. In chi non riesce a esprimere a pieno le sue emozioni, per timore di ripercussioni nella vita familiare, sul lavoro o nella società in cui vive.

E sperando di far riflettere chi condanna chi non conosce, ciò che ignora.

L’amore di due persone che si amano le rende un’entità unica. L’amore è amore. L’amore è uno! Amate, liberate cuore e anima da ogni paura.
Siate sempre liberi di esprimervi a pieno.

E’ per questo che chiediamo a tutti di condividere e inoltrare questo video! Perché … LOVE IS LOVE. LOVE IS ONE”!

 

 

Altri articoli della stessa

7 Responses to Antonino e Vincenzo, oggi sposi a Siculiana. Un VIDEO di nozze contro tutti i pregiudizi|GUARDA E CONDIVIDI

  1. Avatar

    Davide Umberto Rispondi

    08/11/2014 a 0:46

    I miei più GRANDI complimenti vanno fatti in primis ad Antonino e Vincenzo per il più bel gesto d’Amore che si può dare a chi ti AMA… e poi al gran bel video realizzato da Angelo Sardo e Giuseppe Guarneri… BRAVI!!!…

  2. Avatar

    Antonio Vanadia Rispondi

    09/11/2014 a 8:26

    Non sono mai stato a favore della persecuzione degli omosessuali…ci sono sempre stati,ci sono e ci saranno…..Quello che mi urta è un’altra cosa :l’affermarsi di una forte lobby omosessuale in toto uguale a quella statunitense…Una lobby che agisce in maniera subdola e subliminale tentando di imbavagliare chi,a ragione,non la pensa come loro….il famigerato decreto Scalfarotto a riguardo sintetizza questa strategia .
    Due persone dello stesso sesso che si amano?Non le comprendo ,non le capisco,non sono assolutamente in sintonia con loro….vedere due uomini o due donne insieme …mi fanno la stessa impressione di forme di vita aliene…li rispetto, ma ho una diffidenza innata ,istintiva…non appartengono alla mia cultura,alla mia formazione spirituale,filosofica e politica.
    La lobby omosessuale sta cercando ,forte dell’appoggio di una sinistra senza valori,di intervenire pesantemente e in maniera anche odiosa sulla psiche dei bambini ….mi riferisco alla diffusione di testi e di rivisitazioni di note fiabe in cui non vi sono più coppie etero ma coppie omosessuali…queste operazioni ributtanti sono state poste in essere in alcune città ….con destinazione i bambini dell’asilo ! Altri interventi vengono fatti attraverso pubblicità,sceneggiati,tavole rotonde….tutti tesi a diffondere il concetto che l’omosessualità è armonia e normalità…e ancora il tentativo di erodere la famiglia naturale,l’unica e sola,composta da un uomo e una donna con iniziative ridicole e al tempo detestabili come cancellare le parole ”mamma” e ”papà”sostituendole con ”genitore 1…genitore 2” e ancora….il progetto di affidamento dei bimbi alle coppie gay…porcherie su porcherie.

    • Avatar

      Redazione Rispondi

      09/11/2014 a 11:42

      Il suo intervento, che non condividiamo, ricorda quella famosa barzelletta: “Io non sono razzista, sono loro che sono negri”

  3. Avatar

    Francesca Rispondi

    09/11/2014 a 19:10

    Francamente Sig. Antonio mi sembra che il suo commento non chiarisca neanche a se stesso qual è la sua posizione in merito… si schiarisca le idee e poi magari ci fa sapere

  4. Avatar

    nino genova Rispondi

    12/11/2014 a 17:42

    Concordo con il sig. Antonio. Premetto che non bisogna disprezzare o emarginare nessuno. ..semplicemente questione di coerenza. Sono un Cristiano e secondo le indicazioni che arrivano dalla Sacra Bibbia non possiamo condividere le relazioni omosessuali perché Dio le condanna. Per chi crede in Dio è così x chi non crede…si è liberi anche di farlo..nemmeno quelli bisogna perseguitare…viviamo nella piena libertà. Questione di coerenza ..gli omosess.possono fare quello che vogliono….ma non possono reclamare la benedizione che Dio che non è prevista.Dio ama gli omosessuali ma odia l ‘omosessualita’ perché la considera un peccato.

    • Avatar

      Redazione Rispondi

      12/11/2014 a 20:10

      Papa Francesco, novembre 2013: “A Buenos Aires ricevevo lettere di persone omosessuali, che sono “feriti sociali” perché mi dicono che sentono come la Chiesa li abbia sempre condannati. Ma la Chiesa non vuole fare questo. Durante il volo di ritorno da Rio de Janeiro ho detto che, se una persona omosessuale è di buona volontà ed è in cerca di Dio, io non sono nessuno per giudicarla. Dicendo questo io ho detto quel che dice il Catechismo. La religione ha il diritto di esprimere la propria opinione a servizio della gente, ma Dio nella creazione ci ha resi liberi”.

  5. Avatar

    Claudia Rispondi

    25/01/2015 a 17:18

    Antonino oggi mi ha fatto vedere questo video. Sn tornata a casa curiosa di vederlo per intero dedicandogli la giusta attenzione..beh mi sono emozionata e spero che il mio matrimonio possa darmi emozioni forti come quelle che avete provato voi. Vi auguro il meglio e di guardarvi negli occhi sempre cn lo stesso sentimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *