Alcol, basta un esame di sangue per scoprire se sei un bevitore

|




La CDT transferrina desialata è l’esame richiesto per il controllo riferito ad eventuale abuso o dipendenza da alcol, da non confondere con l’alcolemia test richiesta all’atto di un controllo stradale effettuato dalle forze dell’ordine. Ecco come funziona.

alcol

“Basta un esame di sangue per sapere se sei un bevitore, anche se non tocchi un bicchiere di vino da qualche mese”.  E’ proprio così e sono sottoposti a questo specifico esame chimico-clinico i dipendenti di strutture pubbliche, impiegati in strutture sanitarie, medici, infermieri, autisti ed altre categorie professionali; infatti, attravero gli esami ematologici di controllo richiesti dalla medicina del lavoro ogni 6 mesi o all’ anno, si potrà scoprire se si è bevitori di alcol occasonali oppure no.

La CDT: transferrina desialata è l’esame richiesto per il controllo riferito ad eventuale abuso o dipendenza da alcool, da non confondere con l’alcolemia test richiesta all’atto di un controllo stradale effettuato dalle forze dell’ordine, in quest’ultimo caso va dimostrata la presenza dell’alcol direttamente nel sangue dopo consumo più o meno recente e non l’alterazione di una particolare proteina enzimatica che è denominata per le sue caratterisctiche bochinmiche: “transferrina desialata”: CDT.

L’uso di bevande alcoliche è conosciuto da millenni: un papiro egiziano del 3500 a.C. documenta la produzione di vino, ma è probabile che ancor prima l’uomo praticasse la fermentazione dell’uva. Già nell’antichità quindi le problematiche legate all’abus alcolico erano conosciute e temute: il codice di Hammurabi puniva severamente i reati commessi sotto l’effetto di sostanze alcoliche. In Italia l’alcol è da tempo immemorabile parte integrante della cultura e dell’economia e questo rende più difficile la percezione sociale della sua pericolosità e soprattutto il fatto che esso possa indurre gravi comportamenti di abuso e dipendenza.

I disturbi alcol-correlati, compresi i danni derivati dagki incidenti stradali o infortuni sul lavoro, costituiscono motivo della gran parte di nuovi ricoveri. La dipendenza da alcol nelle popolazioni più anziane è prevalentemente maschile, ma tra i giovani sono anche le ragazze a bere in modo preoccupante. La “transferrina desialata” è la proteina che veicola il ferro e lo trasoprta nel plasma. In condizioni di pesante e continuativo uso di alcol etilico la frazione desialata della transferrina aumenta. Anche se il meccanismo biochimico che porta all’aumento della CDT in caso di eccessiva assunzione di alcol non è del tutto chiaro, è certo che l’assunzione di una quntità elevata di alcol modifica la sua sintesi. A più di 40 anni dalla sua scoperta, circa un migliaio di studi rappresentano l’evidenza scientifica inequivocabile della specificità della CDT come marcatore biologico dell’abuso di alcol. In  particolare, la determinazione della CDT è proposta in: medicina di base, quando si desidera avere l’immediata identificazione di un bevitore problematico che non ha ancora sviluppato patologie alcol-correlate; ospedale: riconoscere e disintossicare un paziente con importanti problemi di alcol correlati prima di ogni intervento chirurgico, riducendo le complicanze ed i costi dell’ospedalizzazione; riabilitazione di individui alcol-dipendenti, infatti in questi casi la CDT può essere sufficiente a monitorare l’aderenza al trattamento disintossicante e a valutare le possibili ricadute; il decreto legge 81 del 9/4/2008, nuovo testo sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, finalizzato alla verifica di assenza di alcol dipendenza; medicina legale, la determinazone della CDT viene utilizzata nel rilascio del porto d’armi, nell’adozione di minori e soprattutto nella medicna del traffico, per il rilascio della patente tolta per guida in stato di ebbrezza.

Molti articoli pubblicati in passato, quando la CDT veniva ancora misurata con metodi obsoleti, riportano casi di CDT falsamente positivi in soggetti con cirrosi epatica, epatite, anemia e trapianti.. Oggi invece è considerato un valido marcatore che dice tanto di noi sulla valutazione del consumo di alcol, che trova applicazione in molti ambiti della medicima preventiva, del lavoro e legale.

Importante è sapere che la CDT aumenta se l’assunzione di alcol è continuativa nel tempo, anche se in quantità non eccessive, mentre non aumenta nel caso di assunzione anche importante, ma avvenuta in una sola volta o in breve tempo. Questo è il motivo per cui se il bevitore assiduo di alcol in previsione degli esami di sangue si astiene in un tempo più o meno lungo dall’assunzione non la fà franca! La Transferrina desialata è la macchina della verità che dice di noi ciò che non vorremmo dire.

foto da internet

Altri articoli della stessa

5 Responses to Alcol, basta un esame di sangue per scoprire se sei un bevitore

  1. Antonio Fiorentino Rispondi

    08/10/2018 a 20:50

    Bevo 2 tennets al giorno devo fare le analisi giovedi mattina sono una guardia giurata risulta niente

  2. Carlo Rispondi

    11/10/2018 a 19:52

    Devo fare l’esame del sangue tra quarantacinque giorni per avere la patente, io in questo periodo non bevo alcool ma solo acqua gli esami saranno positivo o negativo? Preciso che ho sempre bevuto ai pasti o qualche volta drink in discoteca grazie aspetto risposta da voi esperti!

  3. Marco Rispondi

    28/10/2018 a 17:07

    Buongiorno,l’articolo a mio parere e’ costruito male poiché la CDT serve a rilevare un consumo abituale ed eccessivo di alcol nel BREVE periodo poiché per quello lungo esistono altre tipologie di esami come l’ ETG(esame del capello).Quindi se non si e’ forti bevitori non ci sono problemi,se si e’ bevitori sono sufficienti 20 gg di astinenza per fare rientrare i valori nel range chiaramente se si e’ in buona salute e non si hanno altre patologie.Saluti

  4. Barbara Rispondi

    24/11/2018 a 1:30

    Buonasera ! Vorrei sapere se minias incide sulle analisi del sangue per alcol . Io non bevo da molto tempo ,neanche occasionale ma prendo minias la sera sennò non dormo . Incidera?

  5. Elena Rispondi

    27/11/2018 a 15:57

    Ho bevuto 1 ltro e mezzo di birra da 9 gradi fra 3 giorni devo fare gli esami saro positiva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *