“Ai pochi felici”

di | 19 Dic 20

Nelle librerie il volume di Giuseppe Cipolla che racconta l’interesse di Leonardo Sciascia per l’arte

“Ai pochi felici” è il titolo del libro di Giuseppe Cipolla che racconta l’interesse di Leonardo Sciascia per l’arte. Edito da Caracol, il volume è disponibile in libreria e nei portali online.

Al centro del libro, l’intricato e, per molti versi, insondato universo “sciasciano”, che scaturisce dal suo ininterrotto rapporto con le arti figurative dal Rinascimento al Novecento.

“Mi piacciono i pittori – diceva Sciascia – che nel loro immediato rapporto con la realtà, le forme, i colori, la luce, sottendono la ricerca di una mediazione intellettuale, culturale, letteraria. I pittori di memoria. I pittori riflessivi. I pittori speculativi. Un sistema di conoscenza che va dalla realtà alla surrealtà, dal fisico al metafisico”.

Giuseppe Cipolla

Lo scrittore dedicava grande attenzione anche all’arte contemporanea siciliana, presentando le mostre degli artisti più amati, ai quali fu, spesso, legato da sincera amicizia.

“Questo volume – dice Giuseppe Cipolla – è frutto di una lunga ricerca iniziata nel 2007 come tesi di dottorato di ricerca in studi storico-artistici all’Università di Palermo. Il volume intende fornire al lettore una visione d’insieme degli interessi del grande intellettuale siciliano per le arti visive dal Rinascimento al Novecento. Un caleidoscopio critico inedito e molto significativo, quindi, per la cultura estetica del Ventesimo secolo”.

La prefazione è dello storico dell’arte Gianni Carlo Sciolla.

Giuseppe Cipolla (Agrigento 1981), storico e critico d’arte, allievo di Gianni Carlo Sciolla all’Università di Torino, ha al suo attivo diverse pubblicazioni di storia dell’arte moderna e storiografia artistica tra Ottocento e Novecento.

.

 

 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli

Cerca nell’archivio

Archivi


Facebook