Agrigento, il Liceo “Leonardo” compie 60 anni

|




Rosanna Gareffa: “Una tappa importante per chi, come me, … c’è stato sempre!”

Quelli della “gloriosa” I A

Una tappa importante per chi, come me, … c’è stato sempre! Posso dire di festeggiare le mie “Nozze di Diamanti” con questa scuola nella quale ho frequentato gli anni spensierati della mia adolescenza, con i cari compagni della “gloriosa” I A, prima classe del nascente Istituto nel 1957! Il passato di ognuno di noi si veste sempre di nostalgia, ma quella classe era davvero formata da giovani ardimentosi. La proposta del Ministero della istituzione di un Liceo Scientifico, come indirizzo quasi sperimentale del Liceo classico “Empedocle”, arrivò in città a scuola già iniziata e raccolse in pochi giorni il consenso di 25 studenti (di cui due sole ragazze), già iscritti in altre scuole, provenienti anche da centri della provincia!  Il piano di studi si presentava più snello e soprattutto più moderno, così ci lanciammo verso un percorso poco battuto fino ad allora,  con qualche incognita sul futuro.

Dopo la maturità e gli anni universitari, trascorsi a Pisa, ritorno nella “mia” scuola come docente! Ritrovo il “Leonardo ormai autonomo che, sotto la guida del suo “fondatore”, il Preside Vincenzo Sambito, nel giro di pochi anni, ha bruciato le tappe, divenendo ben presto uno degli istituti più prestigiosi della città, capace anche di generare sedi staccate (poi divenute autonome) nei centri più popolosi della provincia e di abbracciare le nuove proposte ministeriali dei corsi  sperimentali con ben quattro “indirizzi” (classico, scientifico, linguistico e artistico).

Rosanna Gareffa

Lo slancio insito nel concetto stesso di sperimentazione e la stabilità di un corpo docente ormai consolidato e “temprato” dalla gestione esigente del Preside Sambito, durata ben 24 anni, permisero al Leonardo di affermarsi definitivamente, durante i 16 anni della dirigenza del Preside Salvatore di Vincenzo, fino ad essere riconosciuto a livello ministeriale “scuola polo” della provincia. Accogliendo la novità della rivoluzione informatica, tutti i corsi divennero sperimentali secondo l’impianto del PNI (Piano nazionale informatica) ed in particolare raccolsero molti consensi i due “corsi Brocca”, linguistico e scientifico.

Anche l’attività sportiva, importante corollario della crescita intellettuale, ha sempre costituito al “Leonardo” elemento di coesione e di identità. La rappresentativa studentesca ai Campionati provinciali di Atletica all’Esseneto, negli anni ’60 e ’70 era sempre seguita da Presidi, docenti e alunni con grande passione e, più avanti, negli anni ’80 e ’90, l’elemento catalizzatore del tifo scolastico divenne il  Torneo di Carnevale, nelle cui tante edizioni il “Leonardo” si costruì la fama di “scuola vincente” con i tanti trofei conquistati nel corso degli anni. L’orgoglio della appartenenza insomma è stato sempre il collante che ha tenuto unito il corpo docente, gli studenti, il personale tutto della scuola.

Sulla solida base dei primi quaranta anni, il “Leonardo” ha costruito il suo futuro tenendo fede al messaggio insito già nel suo nome, quello del grande, poliedrico genio italiano, uno dei massimi esponenti dell’unione tra umanesimo e scienza!

Tutti i Presidi, poi Dirigenti scolastici, che si sono succeduti alla guida del “Leonardo” hanno cercato di tenere alto il prestigio dell’Istituto, ognuno col proprio stile, affrontando i primi anni del nuovo Millennio non proprio facili per la scuola italiana a causa dei frequenti cambiamenti di governo e di gestione della politica scolastica alla ricerca del consenso. Non meno traumatici sono stati del resto, in quegli anni, i cambiamenti all’interno della famiglia e della società italiana ed europea, dai quali la scuola non poteva restare immune.

Altri articoli della stessa

3 Responses to Agrigento, il Liceo “Leonardo” compie 60 anni

  1. Magda Bocchino Rispondi

    29/03/2017 a 9:05

    Cara Rosanna sei veramente l’alunna degli splendori del Corso pilota che ha portato il Leonardo alla notorieta’ che tu ricordi con tanta participatione. Io aggiungo tra I docenti tuo padre e l’impegno sportivo degno della piu’ pura tradizione classica. Ti ricordo con affetto e ti auguro ogni bene Magda

  2. Lillo Bongiorno Rispondi

    29/03/2017 a 15:39

    Bellissiomo articolo della prof.ssa Rosanna Gareffa, che sono certo ha emozionato tanti ex allievi del “Leonardo”, come me.Anni bellissimi passati nel liceo diretto dal “burbero” preside Cecè Sambito (con i bidelli ci veniva a cercare per le strade della città, quando scioperavamo e ci caricava in macchina riportandoci a piccoli gruppi a scuola e la mattina quando entravamo si metteva davanti la porta per controllare che i maschi avessero la giacca e le femmine il grembiule).
    Rosanna Gareffa ha accennato al gruppo sportivo, ma forse per pudore non ha citato l’organizzatore, “l’anima” di quel gruppo, il Suo papà , l’indimenticabile prof. Mimmo Gareffa, docente, sportivo, allenatore ed uomo come pochi.
    Di lui ho un ricordo indelebile per i meravigliosi anni passati nel gruppo sportivo, cercando di primeggiare sugli altri istituti.
    Con affetto.
    Lillo Bongiorno

  3. PECORILLA VITA Rispondi

    25/10/2018 a 12:30

    Desidero inviare un saluto affettuoso alla Prof.ssa Magda Bocchino.
    Vita Pecorilla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *