Agrigento, Imposta di Soggiorno e “rilancio della città”

di | 2 Ago 21

Gli investimenti e le iniziative in cantiere. 

Agrigento, Palazzo Comunale (Foto di Raimondo Moncada)

“L’imposta di soggiorno verrà utilizzata per il rilancio della città. Sono state messe in cantiere una serie di iniziative che avranno una grande ricaduta, nel rispetto del regolamento e delle finalità per cui è stata introdotta l’imposta”.

E’ quanto comunica il sindaco di Agrigento Francesco Miccichè, che spiega: “La Giunta Comunale di Agrigento ha deliberato per l’anno in corso una spesa di 265.000 euro (il massimo spendibile oggi), dei 384.000 euro provenienti dal Ministero dell’Interno, nonché dei 42.000 euro provenienti dalla tassa di soggiorno. Le modalità di destinazione sono state determinate dopo aver sentito la Consulta del Turismo. Sono sempre stato e sarò sempre disposto ad ascoltare tutti – aggiunge il sindaco di Agrigento – ; ritengo doveroso da parte mia condividere il percorso amministrativo con chi opera sul territorio. Abbiamo deciso di privilegiare le attività di promozione e marketing per consolidare e rilanciare la destinazione Agrigento profondamente segnata dalla pandemia di COVID 19”.

Nella nota vengono anche indicati nel dettaglio gli investimenti:

– 80.000 euro destinati al decoro urbano con interventi di manutenzione e recupero di beni ricadenti nel territorio comunale e rilevanti per l’attrazione turistica;

– 40.000 euro destinati alla realizzazione di una puntata di “Makari”, la fiction trasmessa nel marzo scorso in prima serata su Rai 1; Agrigento e la Valle dei templi, quindi, sul grande schermo per quella che si preannuncia un nuovo successo televisivo che ha fatto la fortuna di molte destinazioni turistiche nel recente passato;

– 20.000 euro destinati al marketing con la creazione di campagne promozionali sui social;

– 100.000 euro destinati alla promozione e agli spettacoli estivi, già iniziati con l’evento “Emozioni” di Mogol che ha riscosso un enorme successo di pubblico, ed a quelli destagionalizzati fino al 31 dicembre 2021;

 -25.000 euro per la partecipazione alle fiere internazionali, ad esempio TTG di Rimini, evento che catalizza l’attenzione dei più importanti operatori internazionali;

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli

Cerca nell’archivio

Archivi


Facebook