Agrigento, al via le visite virtuali alla Valle dei Templi

di | 16 Giu 21

E’ nata LIVE Culture, una nuova piattaforma di CoopCulture che offre la possibilità di visitare musei e luoghi della cultura anche a distanza, estendendo l’esperienza di visita nel tempo e nello spazio

Valle dei Templi Agrigento (Foto CoopCulture)

E’ nata LIVE Culture, una nuova piattaforma  di CoopCulture che consentirà di visitare musei e luoghi della cultura anche a distanza.

“L’idea – spiega CoopCulture –  è semplice ma innovativa: non si tratta dell’ennesimo tour registrato ma di un vero e proprio percorso in diretta accompagnato da archeologi o storici dell’arte che interagiscono con il visitatore a distanza, e fanno proprio il contesto reale e virtuale, museo o sito archeologico, in cui si svolge la visita. È anche possibile mettere in rapporto luoghi fisicamente distanti nello spazio ma vicini per temi o periodi storici: magari collegati da un reperto, una statua, un affresco, una porzione di tempio che riesce a creare connessioni e sensazioni”.

È già possibile visitare il Colosseo con l’arena e i sotterranei, le case degli Imperatori sul Palatino, il Museo Archeologico di Napoli gli Scavi di Pompei e di Ercolano, la Venaria Reale, i Musei Reali di Torino.

In questi giorni – informa CoopCulture – si è aggiunto il Parco archeologico e paesaggistico della Valle dei Templi: La visita consentirà “di cogliere particolari e dettagli non visibili ad occhio nudo” del Tempio della Concordia, delle rovine del tempio di Zeus di scoprire i mosaici delle domus agrigentine e carpire i particolari delle pitture parietali, di  intrufolarsi virtualmente “sotto” i templi,  entrando “in quel mondo a parte che sono i percorsi sotterranei, le sepolture come la Grotta Fragapane, la catacomba più grande della Valle”.

“La piattaforma – spiega Letizia Casuccio direttore di CoopCulture – è dedicata innanzitutto agli studenti, che hanno dovuto rinunciare alle uscite didattiche e ai viaggi di istruzione, perdendo quel rapporto indispensabile nello studio con l’esplorazione e la conoscenza del proprio territorio ma anche con la scoperta delle testimonianze più lontane e che grazie a LiveCulture hanno avuto modo di recuperare, visitando da remoto siti archeologici e musei, viaggiando virtualmente per vivere il patrimonio culturale ed essere accompagnati  dai nostri operatori didattici alla scoperta di alcune meraviglie del nostro Paese. Live Culture consente inoltre una fruizione integrata, offrendo la possibilità di mettere assieme tempi e luoghi diversi che dal vivo non sarebbero fruibili in un unico momento”.

Per ogni informazione su LiveCulturewww.liveculture.it

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli

Cerca nell’archivio

Archivi


Facebook