A chi gioverà e cosa nasconde la nuova strategia di Grillo?

|




Il leader del Cinque Stelle tratta con gli ex avversari politici, ma la sua disponibilità potrebbe rivelarsi un’apertura di Pirro in uno scenario politico dove sono in gioco partite importanti.

Renzi, Grillo e Berlusconi

Renzi, Grillo e Berlusconi

Ebbene qualcosa è improvvisamente cambiato. Dopo mesi di “con voi non ci parliamo”, di Palazzi da aprire come scatole di sardine, di umiliazioni verbali inflitte agli avversari politici in diretta streaming e di irrilevanza politica di fatto è arrivato il contrordine compagni e ora Grillo fa politica e tratta con gli ex avversari. È bastata una sua piccola apertura per sbloccare l’elezione di uno dei due componenti mancanti della Consulta e uno della CSM. E come corollario la riapertura dei giochi per il Quirinale e la legge elettorale.

Ora Grillo ed i suoi hanno capito che la politica la si fa standoci dentro e non tirandosi sempre sdegnosamente fuori. Semmai c’è il sospetto che questa mossa arrivi per i Cinque Stelle fuori tempo massimo e serva solo ad affrettare la chiusura del Patto del Nazzareno.

Renzi che in fatto di tattica sembra un gigante l’ha capito ed utilizza l’improvvisa disponibilità grillina per costringere Berlusconi a rompere gli indugi, o ci sta, o non ci sta. E Berlusconi sa che gli conviene starci. E così l’apertura grillina potrebbe rivelarsi un’apertura di Pirro. Sullo sfondo dei giochi per la nuova legge elettorale vi è infatti la partita per il successore di Napolitano al Quirinale. Berlusconi vuole eleggere un Capo dello Stato non ostile, Renzi lo sa e lo tenta, offrendo nomi “affidabili” come quelli della Finocchiaro o del Ministro della Difesa Pinotti.

Ma se Silvio non decide in fretta sulla Legge Elettorale allora Renzi fa l’accordo con Grillo e porta Prodi al Colle e allora addio speranza di grazia. E tutto si deve decidere in poche settimane. Napolitano vuole lasciare presto, già a fine anno, a gennaio e forse anc

ora prima, ne vedremo delle belle.

Altri articoli della stessa

One Response to A chi gioverà e cosa nasconde la nuova strategia di Grillo?

  1. Carlo Barbieri Rispondi

    08/11/2014 a 19:42

    E se fosse una mossa di judo? Illudere Renzi di avere un’alternativa all’appoggio di Berlusconi e poi, quando l’accordo con Silvio è distrutto, ritirare immediatamente il ponte levatoio lasciandolo senza i numeri? Su una cosa siamo certamente d’accordo: ne vedremo delle belle. E quasi sicuramente anche di brutte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *