25 Aprile

da | 24 Apr 20

Ci provano ogni anno a svalutarlo. Senza vergogna. Senza dignità. Senza rispetto per i morti e per la storia

Angela Mancuso

Ci provano ogni anno a svalutare il 25 Aprile. Minimizzano, negano, avanzano proposte ridicole, organizzano contro manifestazioni, sputano fiele, offendono, si permettono finanche di insultare i pochi partigiani ancora vivi e testimoni di quella immensa e valorosa azione che fu la lotta contro il nazifascismo. Contro il cancro peggiore che l’Italia abbia mai conosciuto.

E hanno il permesso di parlare. Di esprimere quella che definiscono libertà di opinione. Senza vergogna. Senza dignità. Senza rispetto per i morti e per la storia.

 25 Aprile

Io ti conosco

ragazza

ho visto i tuoi partigiani

ancora bambini

scendere dalle colline

tornare a casa

levare canti

sotto i tuoi colori.

Ti conosco

ragazza

eri bella

talmente bella

che si attaccarono  ai tuoi seni

talmente bella

che ancora succhiano

avidi

ingordi

sotto i tuoi colori.

Ce n’è ancora qualcuno

di quei partigiani

levano canti

indossano bandiere

le medaglie sul petto

la libertà nel cuore

sono rimasti i soli

gli unici

degni

dei tuoi colori.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi


  • Quel libro su Agrigento disperso e ritrovato
    HAMILTON IN LINEA La ristampa delle "Memorie storiche" di Giuseppe Picone era stato inviato ad Angelo Cino della Fratellanza Racalmutese di Hamilton. Ritrovato in un mercatino dell'usato, ora è tornato a casa […]

Facebook