Viadotto Morandi di Agrigento. Il 70 per cento vuole demolirlo | SONDAGGIO

|




SONDAGGIO. Il Viadotto Morandi di Agrigento deve essere demolito o riqualificato? Il 70 per cento dei votanti ha stabilito che deve essere abbattuto. Un’indicazione che fornisce elementi di riflessione su quanti stanno trovando una soluzione per il viadotto che è ormai chiuso da oltre un anno

Altri articoli della stessa

5 Responses to Viadotto Morandi di Agrigento. Il 70 per cento vuole demolirlo | SONDAGGIO

  1. Zammuto Francesco Rispondi

    06/09/2018 a 19:55

    i cittadini comuni che competenza hanno per decidere su questioni esclusivamente tecniche. È chiaro che non voto.

  2. Livio Rispondi

    06/09/2018 a 21:43

    Come ci si può fidare di una qualsiasi perizia quando si vede chiaramente il cemento che si sgretola lasciando il ferro fuori? Il cedimento strutturale non da nessun segnale, chi è il pazzo che si assume una così grande responsabilità?

  3. Giuseppina La bella Rispondi

    07/09/2018 a 3:09

    L’esperienza insegna. Riqualificare il ponte non darebbe certezza e affidabilità sulla definitiva sicurezza. Ma ovviamente i costi sarebbero diversi. Demolire invece sarebbe un’opzione qualora si decidesse di realizzarlo con materiali diversi e con tecnologia diversa. Ma il costo ed i tempi di realizzazione sarebbero maggiori per non escludere i disagi per la viabilità sul territorio. L’ultima parola sempre agli esperti.

  4. Vito Caracappa Rispondi

    07/09/2018 a 14:10

    È assolutamente chiaro che a stabilire se il ponte va demolito o riqualificato spetta esclusivamente agli ingegneri esperti in materia. Che, alla luce dell’incresciosa tragedia che si è consumata a Genova e che ha provocato una strage, si dovranno assumere la totale responsabilità sul da farsi, qualunque sia la loro scelta

  5. Giuseppe Raso Rispondi

    10/09/2018 a 19:37

    Siamo ormai tutti testimoni di genova e non possiamo non vedere la fine di un’epoca. Il cemento armato ha alzato bandiera bianca. Occorre riprendere una tradizione e costruire nel rispetto assoluto della natura e dell uomo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *