“Via Garibaldi può diventare una trappola mortale”

|




Denuncia dell’Associazione  “Agrigento punto e a capo”

via garibaldiI cittadini di Agrigento Punto e a Capo sono preoccupati per le condizioni in cui versa la via Garibaldi e in una letteraal sindaco Zambuto, inviata anche agli assessori e ai dirigenti responsabili della sicurezza delle strade, chiedono un immediato intervento per scongiurare che l’importante arteria cittadina, ” sfregiata da enormi buche di recente costituzione”, possa trasformarsi in una “trappola mortale”.

“Il mal tempo e il passaggio dei veicoli– scrivono i responsabili del l’associazione nella lettera-se non si asfalta subito e correttamente la via, aggraveranno pericolosamente lo stato delle voragini. Quando una strada si apre al pubblico deve essere garantita la sicurezza di quanti la percorrono.

 Chiediamo che si faccia qualcosa immediatamente, non vogliamo morti e feriti. Non vogliamo nemmeno pagare debiti fuori bilancio per i danni causati, eventualmente, a cose e persone dallo stato della strada. Al Sindaco chiediamo se le condizioni di quella strada sono da standard europei. Come sindaco dei siciliani, ha intenzione di consigliare questo standard stradale a tutti i comuni della Regione?via garibaldi2

Chiediamo, a dirigenti e assessori, che sia rispettato il regolamento per i lavori di scavo nelle strade cittadine. Nell’indifferenza della politica questa importante arteria cittadina si può trasformare in una insidiosa trappola mortale. Basta giocare con le nostre vite e i nostri portafogli.

Chiediamo giustizia e manutenzione per le nostre strade. Le gare per mezzi e materiali di manutenzione stradale sono state aggiudicate.

Chiediamo che, allora, si lavori per farci muovere in sicurezza lungo le strade cittadine. Chiediamo- conclude la lettera- rispetto e il rispetto dei regolamenti comunali da parte delle ditte che effettuano lavori di scavo”.

 

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *