“Vento di tramontana” soffia sul teatro di Catania

|




Debutta martedì 20 maggio al teatro Angelo Musco di Catania “Vento di tramontana”, tratto dal romanzo di Carmelo Sardo. Adattato da Gaetano Savatteri, lo spettacolo ha un cast d’eccezione: Mimmo Mignemi, David Coco, Marina La Placa, Luca Iacono e il musicista Mario Incudine. Nella compagnia anche alcuni detenuti del carcere di Giarre.

La storia di un ragazzo di vent’anni che svolge il suo servizio di leva come agente di custodia nel carcere di Favignana. Un romanzo di formazione, il racconto del passaggio dalla prima giovinezza all’età adulta, maturata in un luogo di sofferenza, ma anche di grande umanità. E soprattutto la sfida morale sulla scelta di cosa è giusto e cosa è sbagliato.

David Coco

David Coco

Questi elementi di Vento di tramontana, il primo libro del nostro amico e collaboratore Carmelo Sardo (proprio nei giorni in cui va in libreria, sempre per Mondadori, il suo secondo romanzo Malerba, scritto a quattro mani con l’ergastolano Giuseppe Grassonelli che si è laureato in carcere), sono il centro dell’azione dello spettacolo teatrale prodotto dallo Stabile di Catania che va in scena all’Angelo Musco di Catania dal 20 al 25 maggio.

L’adattamento è di Gaetano Savatteri, uno dei fondatori di Malgrado tutto, che nella trasposizione teatrale ha voluto sottolineare “il momento del passaggio della linea d’ombra di ciascuno, quando si sta diventando adulti e bisogna fare le proprie scelte morali”. Grande ruolo nello spettacolo hanno le musiche e le canzoni di Mario Incudine, il cantautore di Enna, considerato dalla critica il “nuovo Domenico Modugno”, anche lui sulla scena.

E poi attori di grande spessore come Mimmo Mignemi, Luca Iacono, David Coco, Marina La placa. della compagnia fanno parte anche Gianluca Belfiore, Erminio Caruso, Davide Intravaia, Giuseppe Manuli, Guglielmo Quattrocchi, Salvatore Rapisarda. Le scenografie sono di Angela Gallaro, che aveva già svolto lo stesso ruolo nel teatro di Racalmuto. La regia di Federico Magnano San Lio.

Mimmo Mignemi

Mimmo Mignemi

Lo spettacolo è nato da un progetto con il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, perchè alcuni degli attori sono detenuti del carcere di Giarre, che hanno avuto dei permessi speciali per poter partecipare alle prove e allo spettacolo che verrà rappresentato anche dentro lo stesso carcere di Giarre.

Un’operazione importante e di cui siamo felici, non solo perchè coinvolge due agrigentini, da sempre legati a questo giornale, ma perchè ancora una volta dimostra la sensibilità di questi giornalisti-scrittori ai temi spesso difficili da affrontare, proprio come la vita dei detenuti, la loro vita personale e intima, i loro bisogni e desideri.

Dallo spettacolo, infatti, emerge l’umanità sofferente che vive dentro le carceri italiane che, al di là delle condanne ricevute, merita di non essere ridotta mai a un numero o una matricola o una statistica. Ciascun detenuto, anche se ha sbagliato, spiega lo spettacolo firmato da Sardo e Savatteri, merita ascolto e rispetto come cittadino e come persona.

In bocca al lupo a Vento di tramontana da parte di tutta la redazione di Malgrado tutto. 

“Vento di tramontana” è in scena dal 20 al 24 maggio alle ore 21, e domenica 25 maggio alle ore 17.30. Per informazioni clicca qui

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *