Una consulta cittadina dai volti nuovi

|




Una consulta cittadina dai volti nuovi

RacalmutoL’appello del ministro Cancellieri a costituire una consulta cittadina per tenere viva la vita democratica di Racalmuto nei diciotto mesi del commissariamento coincide con l’analisi avanzata dal Pd e da alcune associazioni che già da qualche giorno si muovevano in questa direzione.
Certo, sarà necessario stabilire dei criteri per costituire una consulta che possa avanzare proposte, riflessioni e suggerimenti alla terna prefettizia, ma che soprattutto tenga aperto il dibattito politico, non più viziato da piccoli interessi di bottega.
E’ evidente che bisognerà partire dalla rete di associazioni e realtà che già operano a Racalmuto: gruppi culturali e sportivi. Senza preclusioni, ma evitando il rischio di usare il bilancino delle rappresentanze dei partiti. Ma sarà necessario anche coinvolgere forze e persone che in passato sono rimaste ai margini del dibattito politico: la scuola, le professioni, gli studenti, i giovani. Una consulta aperta, che magari potrà strutturarsi in gruppi di lavoro su argomenti specifici. Una consulta che riporti il piacere di affrontare e discutere dei problemi di questo nostro paese.

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *